7 feb 2022

Portano cibo e coperte ai senzatetto Ma non si può: volontari identificati

Roma, il caso alla stazione Termini. La denuncia di Lapo Elkann: "In un momento così serve più solidarietà"

giovanni rossi
Cronaca
Un volontario distribuisce cibo e coperte ai senzatetto che dormono all’aperto sul marciapiede. di fronte alla Stazione Termini di Roma
Un volontario distribuisce cibo e coperte ai senzatetto che dormono all’aperto sul marciapiede. di fronte alla Stazione Termini di Roma
Un volontario distribuisce cibo e coperte ai senzatetto che dormono all’aperto sul marciapiede. di fronte alla Stazione Termini di Roma

di Giovanni Rossi Uno scandalo. Uno dei tanti ai quali l’Italia impoverita si sta abituando. Secondo le stime, nella Capitale ci sarebbero ventimila senza fissa dimora – cifra impressionante se confermata – e solo duemilaseicento posti letto per l’emergenza sociale – numero che invece non accenna a salire. Aiutare chi è privo di tutto sarebbe il minimo. Invece a Roma i carabinieri fermano e identificano i volontari che portano cibo, vestiti e coperte ai clochard che gravitano tra la stazione Termini e le strade limitrofe. Un pasticcio in piena regola, in cui le disposizioni anti-Covid che limitano gli assembramenti e prevedono distribuzioni di cibo solo all’esterno dello scalo appaiono in realtà piegate a esigenze di decoro della stazione e dei suoi spazi commerciali. L’ultimo caso giovedì, immortalato dalla telecamere di Ansa e Tgr Lazio. Quattro volontari della Casa Famiglia Lodovico Pavoni di Torpignattara sono chiamati a esibire i documenti mentre stanno distribuendo acqua, cibo e coperte ai senzatetto seduti nel corridoio vicino alla biglietteria. "Pensavamo fosse un’esagerazione la notizia che avevano iniziato a impedire la distribuzione", racconta Mauro Terzoni, uno dei volontari fermati. Tanto più che la vigilanza privata di Grandi Stazioni non aveva frapposto ostacoli all’ingresso. Ecco invece la pattuglia dell’Arma, la richiesta di documenti e l’intimazione a non distribuire cibo ai senzatetto all’interno della stazione. "Dicono che sporcano – non si capacita il volontario esasperato dall’identificazione –. Ma con milioni di persone in transito, il problema sono le quattro persone che stanno lì dentro?" Già nelle scorse settimane, un profluvio di denunce. Associazioni e persino Vip. Il 21 gennaio Lapo Elkann twitta: "Ieri sera alle 21 un amico era a Termini a distribuire cibo ai poveri. Cacciato mentre dava da mangiare ad una signora italiana. In un periodo così difficile servirebbe più solidarietà e non meno. Non rimaniamo indifferenti". Il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?