Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
2 giu 2022

Poche munizioni, eserciti divisi. Così l'Europa si scopre indifesa. Il confronto con Mosca

I Paesi della Ue spendono in armi tre volte in più della Russia. Ma ci sono troppi sprechi e inutili doppioni. Borrell: "Senza l’aiuto degli Usa in caso di attacco non potremmo resistere più di due settimane"

2 giu 2022
alessandro farruggia
Cronaca
Militari russi su un Bmpt ‘Terminator’ (Tank Support Fighting Vehicle)
Militari russi su un Bmpt ‘Terminator’ (Tank Support Fighting Vehicle)
Militari russi su un Bmpt ‘Terminator’ (Tank Support Fighting Vehicle)
Militari russi su un Bmpt ‘Terminator’ (Tank Support Fighting Vehicle)

"Questa guerra deve essere un campanello d’allarme, l’Ue deve diventare una potenza anche militare, ma ne siamo ancora lontani, perché gli eserciti europei non potrebbero mantenere un conflitto come quello in Ucraina, senza l’aiuto americano, per più di due settimane. Finirebbero le munizioni". Così l’Alto rappresentate dell’Ue per la politica estera e di difesa europea Josep Borrell in un recente dibattito al think thank Ceps, ha messo il dito nella piaga: l’Europa, pur essendo ben al di sotto del 2% del Pil investito in difesa, soglia chiesta da anni dagli americani (che sono al 3,48%), spende tuttora molto e soprattutto male per la sua tutela. I numeri sono illuminanti. In termini assoluti l’Europa (Gran Bretagna esclusa, che ne vale altri 5860!) spende infatti 198 miliardi di euro all’anno, come dire 233 miliardi di dollari, mentre la Russia – il grande e rinnovato nemico strategico dalla Seconda guerra mondiale in poi – ne investe circa 65. "Spendiamo oltre un terzo di quanto spende la Russia e questo è un dato stupefacente" ha ricordato Mario Draghi. Parecchio stupefacente. La questione essenziale, ben prima di ragionare su un ipotetico esercito europeo, è mettere da parte gli orgogli nazionali, sinergizzarsi e spendere meglio i nostri soldi. "Se ogni stato membro aumentasse per proprio conto la propria spesa attuale per la difesa per un “x“ per cento – ha osservato Borrell, che è anche presidente dell’Agenzia Europea per la Difesa – sarebbe un grande spreco di denaro, perché non correggeremmo le duplicazioni, le stesse cose che abbiamo molte volte, né le lacune, ciò che non abbiamo, ciò che nessuno fa. Quindi – ha sottolineato l’Alto Rappresentante – dobbiamo aumentare la nostra spesa militare in un modo coordinato, e non sarà facile perché l’esercito, le capacità di difesa sono il cuore della sovranità nazionale, e cercare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?