Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
26 mag 2022

Parigi, arrestato il milionario Bouthier. "Ospitava minorenni e le stuprava"

In cella il tycoon delle assicurazioni. Il procuratore: quando diventavano maggiorenni le cacciava

26 mag 2022
giovanni rossi
Cronaca
Jacques Bouthier, 75 anni, nato da famiglia umile e diventato straricco con il gruppo Vilavi. Ora è agli arresti
Jacques Bouthier, 75 anni, nato da famiglia umile e diventato straricco col gruppo Vilavi
Jacques Bouthier, 75 anni, nato da famiglia umile e diventato straricco con il gruppo Vilavi. Ora è agli arresti
Jacques Bouthier, 75 anni, nato da famiglia umile e diventato straricco col gruppo Vilavi

L’ambizione divorante di diventare uno degli uomini più ricchi di Francia. E la perversione inderogabile di avere a propria disposizione almeno una giovane vita. Ogni giorno. Per anni. Abusando di numerose ragazze minori, di età anche inferiore a 15 anni, strappandole con soldi alle proprie famiglie e ospitandole in un appartamento trasformato in regno di dominio. C’è questo – e molto altro – nell’ultima storia di pedofilia che fa arrossire Parigi. Jacques Bouthier, 75 anni, fondatore e anima del gruppo assicurativo Vilavi, self made man lungo la Senna con almeno 160 milioni di patrimonio personale, è in carcere da sabato con imputazioni gravissime, assieme ad altre cinque persone tra le quali la moglie. Secondo Libération, gli inquirenti lo indagano per "tratta di esseri umani, violenza sessuale su minori di 15 anni, ricorso alla prostituzione minorile, detenzione di immagini pedopornografiche e associazione per delinquere finalizzata al sequestro di persona". Ipotesi di reato – ora da dimostrare in giudizio – che determinano le immediate dimissioni del sospettato numero uno dai vertici societari, ma anche l’imbarazzo dei tanti che hanno contribuito al suo successo facendone uno dei 500 imprenditori più ricchi di Francia. Dagli attuali 1.800 dipendenti della società, alle stelle dello sport personalmente ingaggiate per le pubblicità del gruppo a partire dagli anni Duemila (Le Figàro ricorda i calciatori Lilian Thuram ed Emmanuel Petit, o la nuotatrice Laure Manadou). Secondo l’accusa, la modalità di reclutamento delle vittime di Bouthier era davvero molto spiccia: fin quando le giovani erano di suo gradimento, potevano restare a disposizione nell’appartamento riservato venendo mantenute. Poi l’assicuratore procedeva ad avvicendamenti anagrafici sbattendo fuori di casa l’abusata di turno e sostituendola con una nuova preda. Un turnover sessuale che avrebbe coinvolto almeno sette minori. L’imprenditore evidentemente valutava che la prevedibile vergogna delle protagoniste, un po’ di soldi elargiti, il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?