Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
23 feb 2022

"Ora è emergenza salari Tagliare il costo del lavoro"

L’economista Del Conte avverte: la scala mobile sarebbe un boomerang "Le aziende dovrebbero prevedere aumenti in base all’efficienza produttiva"

23 feb 2022
claudia marin
Cronaca
Una protesta dei lavoratori contro salari considerati ormai troppo bassi
Una protesta dei lavoratori contro salari considerati ormai troppo bassi
Una protesta dei lavoratori contro salari considerati ormai troppo bassi
Una protesta dei lavoratori contro salari considerati ormai troppo bassi
Una protesta dei lavoratori contro salari considerati ormai troppo bassi
Una protesta dei lavoratori contro salari considerati ormai troppo bassi

di Claudia Marin L’inflazione si fa sentire sempre più intensa e colpisce direttamente il potere d’acquisto dei redditi dei lavoratori. Bankitalia e altri analisti mettono in guardia dal rischio di una nuova spirale prezzi-salari. "In questa fase nessuno può prevedere come evolverà la spirale prezzi-salari – avvisa Maurizio Del Conte, professore alla Bocconi e regista della creazione dell’Anpal durante il governo Renzi - ma se l’impennata dell’inflazione dovesse prolungarsi oltre l’estate ci sarà da aspettarsi un autunno caldo sul fronte delle retribuzioni. L’Italia soffre già di livelli salariali bassi, le famiglie italiane non hanno molti margini per resistere a lungo. Ne va della tenuta sociale del Paese". Quali differenze ci sono rispetto alla spirale degli anni Settanta e Ottanta? "Tutti ci auguriamo che la situazione attuale non ci riporti all’esperienza degli anni Settanta, altrimenti dovremmo prepararci a una inflazione a due cifre per i prossimi vent’anni. Ma per fugare quello scenario occorre non ripetere gli errori del passato e affrontare subito la questione salariale, prima che la situazione vada fuori controllo". L’attuale sistema contrattuale è insufficiente per affrontare questa fase e scongiurare il ritorno al passato? "Molti contratti sono stati rinnovati da poco in un contesto macro-economico in cui l’inflazione tendenziale era sotto il 2%. In questo momento siamo attorno al 5% e non sappiamo come lo scenario evolverà nei prossimi mesi. È chiaro che il cambiamento di contesto richiederà un cambio di approccio nella gestione delle dinamiche retributive". Come si interviene per proteggere il potere d’acquisto delle retribuzioni senza generare una corsa al rialzo dei prezzi? "Non si devono ascoltare le sirene nostalgiche della scala mobile che non farebbe altro che innescare una pericolosa spirale inflattiva, il cui prezzo più alto finirebbe per ricadere proprio sui lavoratori. Penso che il governo dovrebbe chiamare alla responsabilità le parti sociali. Serve ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?