Un carabinier vicino al luogo dell'omicidio-suicidio di Portici, nel Napoletano (Ansa)
Un carabinier vicino al luogo dell'omicidio-suicidio di Portici, nel Napoletano (Ansa)

Portici (Napoli), 27 luglio 2020 - Ennesimo caso di femminicidio con suicidio. In serata, intorno alle 20, un uomo ha ucciso a coltellate la convivente, poi si è gettato dal quarto piano della sua abitazione e si è sfracellato al suolo, privo di vita. Teatro dell'omicidio-suicidio è un condominio di Portici, in zona centrale.

L'omicida - Giovanni Fabbrocino, 65 anni - al culmine di una lite ha massacrato a coltellate la convivente Maria Adalgisa Nicolai, di 58 anni, prima di lanciarsi nel vuoto dal balcone e trovare la morte.
La donna era una ricercatrice universitaria in Scienze Tecnologiche alla facoltà di Agraria dell'università Federico II di Napoli. E' stata trovata a terra, il corpo devastato da numerose ferite da arma da punta e taglio (presumibilmente l'arma è un coltello da cucina). Entrambi erano incensurati e non risultano denunce per violenza domestica.

A dare l'allarme sono stati alcuni vicini di casa. Il personale del 118, giunto sul posto, non ha potuto che constatare il decesso di entrambi. La coppia non aveva figli ed era sola in casa al momento della tragedia. 
I carabinieri stanno cercando di ricostruire cosa possa essere accaduto. I carabinieri hanno raccolto le prime testimonianze dei vicini che hanno parlato di litigi negli ultimi giorni. Pare che la storia d'amore fosse finita e che negli ultimi tempi la donna avrebbe manifestato l'intenzione di lasciare il compagno.