Mercoledì 24 Aprile 2024

Neopatentati, telefonino alla guida, velocità in autostrada: ecco le novità del codice 2023 ‘riscritto’ da Salvini

Il responsabile delle Infrastrutture porterà i provvedimenti alla discussione nel prossimo Consiglio dei ministri di giovedì

Roma, 20 giugno 2023 - Nuovo codice della strada 2023, ecco le novità che giovedì Matteo Salvini porterà alla discussione nel Cdm. 

Il ministro delle Infrastrutture ha sintetizzato le novità così: “Revoca della patente per chi è recidivo e guida drogato o ubriaco, per i neopatentati l’impossibilità di guidare auto di grossa cilindrata per i primi tre anni e sospensione della patente per chi viene trovato al telefonino alla guida”.

Approfondisci:

Ergastolo della patente: cos’è, come funziona e cosa c’entra la Corte Costituzionale

Ergastolo della patente: cos’è, come funziona e cosa c’entra la Corte Costituzionale

Salvini: 150 km/h in autostrada, ecco dove

Non solo. Il ministro è tornato su quello che da anni è un cavallo di battaglia della Lega, i 150 in autostrada. “Sono convinto che su alcune tratte italiane a tasso di incidentalità prossimo allo zero, in alcuni orari, laddove ci sono tre, quattro o addirittura cinque corsie un superamento controllato degli attuali 130 chilometri orari come negli altri paesi europei possa essere preso in considerazione”, ha dichiarato.

Nuovo codice della strada 2023, le novità annunciate dal ministro Salvini
Nuovo codice della strada 2023, le novità annunciate dal ministro Salvini

Neopatentati e auto di grossa cilindrata: nuove regole

“Intanto quello che porto prevede per i neo patentati l’impossibilità di guidare per i tre anni auto di grossa cilindrata, il ritiro definitivo della patente per i recidivi che creano danni guidando ubriachi e sanzioni più severe per guida con il telefonino”.

Approfondisci:

Bimbo morto a Casal Palocco (Roma), Salvini: via la patente ai cretini al volante. E chiudere i social

Bimbo morto a Casal Palocco (Roma), Salvini: via la patente ai cretini al volante. E chiudere i social

Telefonino alla guida e sospensione immediata della patente

Ha chiarito il ministro: “Vale per i diciottenni, per i cinquantenni e per i settantenni, stiamo inserendo” nella nostra proposta “una sospensione magari anche breve, una settimana, dieci giorni, della patente di guida per chi viene beccato alla guida telefonando, chattando, curiosando, navigando, perché una delle principali cause di incidente è la distrazione, l’uso del telefonino alla guida”.

Approfondisci:

Come giocarsi la patente in 4 mosse. Svolta sulla revisione, la sentenza

Come giocarsi la patente in 4 mosse. Svolta sulla revisione, la sentenza