29 gen 2022

"Non si può morire per uno stage" Studenti in piazza: scontri e feriti

Cortei in tutta Italia per protestare a una settimana dalla scomparsa del diciottenne Lorenzo Parelli

giu
Cronaca

di Giulia Prosperetti ROMA "Di scuola-lavoro non si può morire". Questo lo slogan che ieri ha unito gli studenti di tutta Italia, scesi in piazza a una settimana della morte del diciottenne Lorenzo Parelli, schiacciato da una putrella l’ultimo giorno del suo apprendistato presso l’azienda metalmeccanica Burimec di Lauzacco. "Lorenzo è vivo e lotta assieme a noi", hanno ripetuto da Udine i compagni del giovane tragicamente scomparso chiedendo, nel giorno in cui è stata effettuata l’autopsia sul corpo del ragazzo (ieri l’operaio che lo ha soccorso è stato indagato. Un atto dovuto, fltra dalla Procura), una modifica alle norme che regolano l’accesso degli studenti alle attività produttive nel periodo del tirocinio. Ma se l’obiettivo della mobilitazione era chiedere giustizia per Lorenzo e maggiore sicurezze durante gli stage nelle aziende, in diverse città le manifestazioni sono degenerate dando luogo a violenti scontri con la polizia. Insulti, mani in faccia agli agenti e, a seguire, il lancio di mattoni, pietre, bottiglie. I maggiori momenti di tensione si sono registrati a piazza Arbarello, a Torino, dove i circa 200 manifestanti hanno cercato di forzare gli sbarramenti delle forze di polizia, anche con l’utilizzo di un furgone, con l’intenzione – nonostante il divieto per le restrizioni della zona arancione – di trasformare il presidio in un corteo per le vie del centro. Tentativo respinto dalla polizia con cariche e manganellate. Le immagini che arrivano dalla piazza mostrano studenti insanguinati e il passaggio di buste di ghiaccio tra i ragazzi colpiti. "Ci sono almeno una decina di feriti tra di noi in seguito alle cariche di questa mattina – denunciano gli studenti –. Noi andiamo avanti con la protesta". Manifestando "piena solidarietà agli studenti", la Cub Torino ha ribadito l’impegno "per l’abolizione dell’alternanza scuola lavoro, una norma che rende le scuole subalterne al sistema delle imprese". Tensione anche ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?