Torino, 27 luglio 2019 -  Dopo tre ore di marcia pacifica, tafferugli e scontri sono scoppiati alla manifestazione in Val Susa. Decine di No Tav, molti dei quali a volto coperto, hanno oltrepassato i limiti della zona rossa e invaso l'area del cantiere Alta Velocità dopo aver divelto la recinzione. I più agguerriti appartengono alla galassia antagonista, provenienti dai centri sociali. Le forze dell'ordine monitorano i movimenti, in particolare tengono sotto osservazione un camioncino che fornisce appoggio tecnico. In risposta ai tentativi di intrusione e ai lanci di sassi è iniziato un fitto lancio di lacrimogeni.

Nel primo pomeriggio la marcia No Tav da Venaus a Giaglione, nel Torinese, era iniziata in maniera ordinata. Gli attivisti avevano dichiarato fin da subito l'intenzione di voler raggiungere il cantiere di Chiomonte da più parti, sfidando l'ordinanza della prefettura che ha esteso la zona rossa a tutti percorsi attorno al cantiere dell'alta velocità. Per questo il corteo, tra bandiere, cartelli e striscioni No Tav, si è diviso in due tronconi, uno dei quali ha imboccato i sentieri che salgono sul fianco della montagna, il grosso del gruppo invece si è incamminato lungo lo stradone principale. I manifestanti sono diecimila circa, a fronte di mezzo migliaio di agenti. 

image

Attorno alle 18 un gruppo di irriducibili è riuscito ad abbattere la prima fila di barriere messe a protezione del cantiere, dal lato della località Giaglione. Altri spezzoni del corteo hanno tentato di
raggiungere il cantiere da altri lati. Alla fine il cancello che bloccava il passaggio è stato smantellato e, come hanno riferito i manifestanti via social media, hanno raggiunto il cantiere. Intorno alle 19.30 gli occupanti hanno hanno iniziato a tornare indietro.

Corteo No Tav a Chiomonte (Ansa)

L'Italia intanto, che ha inviato ieri in serata alla Ue la lettera con cui notifica l'intenzione di proseguire nei lavori della Tav Torino-Lione, ha ricevuto la conferma che la missiva è stata recapitata ai destinatari. Nelle scorse settimane la Commissione europea aveva chiesto a Italia e Francia di chiarire le rispettive posizioni sull'opera. La lettera alla Commissione europea consente di dare seguito alle procedure sulla tratta. La missiva, a quanto si apprende, è stata firmata da una dirigente del ministero dell'Economia ed è stata redatta in coordinamento con la segreteria della Presidenza del Consiglio. Si tratta di un atto procedurale tecnico che, secondo la prassi, non prevedeva la firma del ministro competente (il titolare di Infrastrutture e trasporti Danilo Toninelli). La lettera, che è stata inviata per conoscenza anche alla Francia, rappresenta un passaggio necessario vincolante nella procedura sui bandi per la costruzione dell'opera.

Tornando alla manifestazione per il 'no' alla Tav a Chiomonte in Val Susa, a questa hanno aderito varie associazioni locali e nazionali, e anche i Verdi. Nella stazione Torino Porta Nuova da cui partono i treni per Susa diversi agenti di polizia monitorano il viavai, altri presidiano specificamente il binario 16. Da qui, infatti, centinaia di giovani hanno preso la navetta per Venaus per poi accodarsi al corteo No Tav partito alle 13.30 dall'Infopoint situato all'ingresso dell'accampamento del Festival dell'Alta Felicità. Massima allerta anche nella stazione di Susa, dove si dava per scontato il transito di gruppi di violenti intenzionati a mischiarsi agli studenti, che partecipano al corteo in maniera pacifica. 

Un frame della diretta Facebook del ministro Toninelli (Ansa)

"Tutte le manifestazioni sono giuste: dichiarare la propia opinione, contrarietà o il proprio favore su un'opera va benissimo. L'auspicio è che non ci sia nessun atto di violenza...ora però mi sono stancato di parlare su questo tema", ha detto ieri sera il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, via Facebook. Ieri al Senato è stata depositata la mozione del Movimento 5 Stelle "che impegna il Parlamento a bloccare la realizzazione del Tav. Il premier - si afferma - ha detto chiaramente che solo il Parlamento potrebbe adottare una decisione unilaterale per fermare la Tav. Bene, chi vuole mettere la faccia e la firma su un'infrastruttura del tutto inutile, deve farlo dentro il Parlamento. Chi vuole fare un regalo a Macron dica Sì alla Tav'. Proprio ieri l'Italia confermava con lettera ufficiale gli impegni nella realizzazione della Torino-Lione (sottoscritta da un dirigente del Mit, Toninelli ha evitato di aggiungere la sua firma) e al tempo stesso il vicepremier grillino, Luigi Di Maio, scriveva su Facebook. "Noi non ci arrendiamo, noi pensiamo al Paese, non facciamo regali a Macron".  Di tenore opposto la reazione del leader No Tav ai Cinquestelle: "Ci avete venduti".

Caustico il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che rimarca il particolare poco edificante della presenza di dimostranti incappucciati e con i volti travisati. A fine giornata tira un bilancio, che suona come un mattinale di polizia: "46 denunciati, quasi tutti appartenenti ai centri sociali fra cui i leader di Askatasuna, per gli attacchi di oggi con bombe carta, cesoie, martelli e pietre al corteo No Tav, a cui si è risposto con gli idranti e circa 200 lacrimogeni. Ringrazio a nome di tutti gli Italiani le centinaia di donne e uomini delle Forze dell'Ordine che hanno evitato feriti (ad eccezione di un agente) e incidenti gravi, garantendo a tutti libertà di manifestazione. Non ci sarà nessuna tolleranza per teppisti e delinquenti. La Tav si farà, indietro non si torna", ha concluso il ministro Salvini.