Nei giorni scorsi l’Ucoii, l’Unione delle comunità islamiche in Italia, ha annunciato una fatwa contro le pratiche dei matrimoni combinati e dell’infibulazione. Un gesto che rappresenta anche una netta presa di posizione sul caso di Saman, che però non è piaciuto a tutti. "In Italia come nell’Isis si impone la Sharia", attacca Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, secondo cui l’associazione "è convinta di avere il potere di dettare legge nel nostro ordinamento e di riconoscere il separatismo islamico. Notizia assurda che ha creato scandalo perfino negli altri Stati musulmani e che fa cadere l’Italia nel ridicolo". Meloni auspica "una forte censura da parte del presidente del Consiglio e del ministro dell’Interno, affinché tutto ciò non costituisca un pericolosissimo precedente".