Il fermo immagine di RaiNews24 mostra Massimo Sebastiani in un'area di servizio (Ansa)
Il fermo immagine di RaiNews24 mostra Massimo Sebastiani in un'area di servizio (Ansa)

Piacenza, 7 settembre 2019 - Svolta nel giallo della coppia scomparsa a Piacenza. Massimo Sebastiani è stato catturato, mentre il corpo senza vita di Elisa Pomarelli è stato ritrovato in serata in un bosco a Sariano di Gropparello, nel Piacentino. E' stato lo stesso operaio 45enne a condurre i carabinieri e il pm fino al fossato in cui si trovava la sua giovane amica. L'uomo è stato quindi fermato per omicidio e occultamento di cadavere della 28enne. 

LA CATTURA - Sebastiani è stato rintracciato dai carabinieri della stazione di Carpaneto oggi, intorno a mezzogiorno, in un casolare (apparentemente disabitato) sul Monte Moria, nel comune di Lugagnano. Proprio lì, un paio di giorni fa, era stato avvistato a una ventina di metri di distanza da alcuni testimoni. Le ricerche si sono quindi concentrate in quella zona. Da quanto si apprende, l'uomo si trovava nel solaio.

IL PM - Secondo quanto riferito dal pm Ornella Chicca, Elisa sarebbe stata uccisa lo stesso giorno della scomparsa - il 25 agosto scorso - subito dopo il pranzo consumato insieme a Sebastiani. Il delitto sarebbe avvenuto nel pollaio della casa di lui. Probabilmente per un raptus.

GIORNI DI RICERCHE - Perquisizioni e controlli sono stati eseguiti nei giorni scorsi nella sua casa e nell'auto. Da giorni, intanto, a condurre le ricerche erano stati chiamati i Cacciatori di Sardegna, corpo dei carabinieri specializzato nella ricerca di persone in contesti impervi. Alla fine le ispezioni erano state indirizzate in cascine e casolari nei boschi tra Sariano e Gropparello. Al vaglio dei tecnici invece alcuni campioni biologici rilevati in casa di Sebastiani, dove i carabinieri del Ris hanno repertato anche della cenere. Adesso Sebastiani dovrà spiegare cosa è successo.

La coppia era scomparsa il 25 agosto dalle colline piacentine: i due erano stati visti per l'ultima volta insieme mentre pranzavano in una trattoria. Poi della 28enne nessun'altra segnalazione. L'operaio, invece, era stato visto altre volte, solo, nel corso della stessa giornata: ad esempio era stato ripreso mentre faceva benzina alla sua auto poi trovata parcheggiata nel cortile di casa con all'interno il cellulare spento. Nei giorni scorsi i Ris avevano fatto un sopralluogo nella casa del Sebastiani a Carpaneto e anche verifiche nel cortile e nella zona attorno al pollaio alla ricerca di elementi utili alle indagini.