Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
8 giu 2022

Mascherine a scuola, Tar del Lazio: "Restano obbligatorie"

I giudici amministrativi hanno respinto il ricorso del Codacons: mascherine obbligatorie in classe fino al 31 agosto

8 giu 2022
STUDENTI AI CORSI DI RECUPERO AL LICEO SCIENTIFICO VITTORINI IN VIA DONATI
CORONAVIRUS, GLI STUDENTI TORNANO A SCUOLA PER I CORSI DI RECUPERO
PRIMO GIORNO RIENTRO RITORNO NELLE SCUOLE
CORSO LICEALE LICEALI STUDENTE
  BANCO BANCHI LEZIONE AULA CLASSE DOCENTE DISTANZA DI SICUREZZA DISTANZIAMENTO SOCIALE CON MASCHERINA MASCHERINE
Scuola, mascherina in classe obbligatoria (ImagoE)
STUDENTI AI CORSI DI RECUPERO AL LICEO SCIENTIFICO VITTORINI IN VIA DONATI
CORONAVIRUS, GLI STUDENTI TORNANO A SCUOLA PER I CORSI DI RECUPERO
PRIMO GIORNO RIENTRO RITORNO NELLE SCUOLE
CORSO LICEALE LICEALI STUDENTE
  BANCO BANCHI LEZIONE AULA CLASSE DOCENTE DISTANZA DI SICUREZZA DISTANZIAMENTO SOCIALE CON MASCHERINA MASCHERINE
Scuola, mascherina in classe obbligatoria (ImagoE)

Roma, 8 giugno 2022 - La mascherina sarà ancora obbligatoria per gli studenti, e lo resterà fino alla fine dell'anno: quindi gli esami di terza media e di maturità saranno affrontati dai giovani con indosso lo scomodo dispositivo di protezione individuale. Lo ha deciso il Tar del Lazio, che con la sentenza n. 7451, depositata oggi,  ha respinto il ricorso del Codacons e stabilito che le mascherine restano fino al 31 agosto 2022.

Approfondisci:

Mascherine ai seggi domenica, il Viminale: fortemente raccomandate ma non obbligatorie

Ma stando ai giudici amministrativi il problema non è sanitario, ma burocratico, infatti viene sottolineato nella sentenza che una eventuale anticipazione della cessazione di tale obbligo necessiterebbe di "un apposito decreto-legge, attesa l'inidoneità di un'ordinanza ministeriale a disporre in senso difforme a quanto previsto in apposita disposizione di rango legislativo, in mancanza di una norma che lo consenta espressamente", valutazione rimessa "all'esclusiva responsabilità della scelta di politica legislativa nella specifica materia". In poche parole serve una legge. Inoltre il Tar ha dichiarato priva di presupposti la questione di legittimità costituzionale sollevata dal Codacons sul decreto legge n. 24 del 2022.

Quindi l’ondata di caldo soffocante di questi giorni non ha convinto i giudici. Per le lezioni in presenza ormai c'era poco da fare, visto che tra oggi e venerdì la presenza in classe sarà finita. Ma restava la speranza che gli esami di maturità e di terza media avvenissero senza celare il viso, e magari lasciando respirare liberamente i ragazzi in un momento dove la tensione gioca a volte brutti scherzi. Al Codacons aveva già risposto nei giorni scorsi  il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ribadendo "toglieremo le mascherine quando riterremo che il nostro vicino sarà al sicuro".

In campo era scesa anche la Lega: "È un’enorme fesseria che ci siano mascherine per bimbi e insegnanti, penso che non ci sia nessun criterio scientifico, con 30 gradi, per costringere insegnanti e studenti al bavaglio, anzi fa male. Noi facciamo ricorso come Lega al Tar", aveva detto Salvini a Skuola.net. E pure il virologo Matteo Bassetti ha definito la amscherina a scuola "una stupidaggine".

Errore che pagano gli studenti

Negativo il commendo del Codacons: "Gravissima ed errata la sentenza emessa oggi dal Tar Lazio sul ricorso promosso. Una decisione che dimostra come il Tar non abbia compreso che la legge ha integrato l'ordinanza impugnata, per cui il ricorso doveva essere proposto proprio contro quella ordinanza ministeriale". E aggiunge: "Il risultato di questo errore commesso dal Tar sarà che gli studenti dovranno affrontare gli esami di maturità e di terza media indossando la mascherina, con tutti i disagi e i fastidi del caso, considerato il caldo di questi giorni e le temperature raggiunte nelle aule scolastiche".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?