Il tribunale di Asti ha assolto con formula piena una donna accusata di maltrattamenti verso il marito. Secondo l’accusa, la donna avrebbe iniziato a picchiare il marito e a comportarsi in modo strano anche davanti alla figlia. Il pm aveva chiesto due anni e sei mesi. Il giudice ha invece assolto la donna dall’accusa di maltrattamenti, condannandola a sette mesi, pena sospesa, per danneggiamenti. La suocera, intervenuta durante una lite fra i due, dopo aver minacciato di chiamare i carabinieri, sarebbe stata privata del cellulare dalla nuora che lo gettò nel camino. La donna ha raccontato di essere stata colpita da una forte depressione post partum dopo il 2015, anno di nascita della figlia. Il marito si era costituito parte civile.