15 feb 2022

L’era dei social spegne Miss Italia La sfilata in bikini è passata di moda

Reality, MeToo, TikTok: il mega show non appassiona più. La reginetta Zeudi Di Palma eletta nell’indifferenza del web

massimo donelli
Cronaca

di Massimo Donelli Per voi, per noi, per tutti, Miss Italia finisce qui. Anzi, era già finita da un pezzo. Tanto che domenica sera, al Casinò di Venezia, la consegna di coroncina e scettro a Zeudi Di Palma, 20 anni, di Scampia (Napoli) è avvenuta in clandestinità. O quasi. Nessuno si era accorto che l’anno scorso, causa Covid, il titolo non fosse stato assegnato. Nessuno sapeva, tantomeno, che la scelta e la proclamazione sarebbero avvenute cinque mesi dopo. E solo pochi intimi hanno visto lo show in diretta streaming su Helbiz, azienda che si occupa di noleggiare monopattini e possiede una piattaforma tv da cui trasmette le partite di calcio della Serie B. Una retrocessione su tutta la linea, perciò. Inclusa quella televisiva… Zeudi, quindi, è Miss Italia 2021. Ce ne ricorderemo mai? Chissà. Nel frattempo abbiamo dimenticato le miss degli ultimi anni, tranne quella del 2008, Miriam Leone, 36 anni, catanese, oggi attrice di successo (è Eva Kant nel film Diabolik). E ci ricordiamo benissimo, invece, quelle del tempo che fu, a cominciare da Lucia Bosè (1947) per continuare con Roberta Capua (1986), Martina Colombari (1991), Anna Valle (1995) e Cristina Chiabotto (2004). Così come sappiamo che a Miss Italia hanno partecipato, senza vincere, future star del cinema e della tv: Silvana Pampanini, Gina Lollobrigida, Silvana Mangano, Sophia Loren, Stefania Sandrelli, Ombretta Colli, Carmen Russo, Alba Parietti, Moana Pozzi, Sabrina Salerno, Simona Ventura, Maria Grazia Cucinotta, Anna Falchi, Claudia Pandolfi, Silvia Toffanin, Elisabetta Gregoraci, Mara Carfagna, Ilary Blasi e Caterina Balivo. Tutto, pensate un po’, è cominciato nel 1939, in pieno fascismo, con il concorso fotografico ‘5.000 lire per un sorriso’ sponsorizzato dal dentifricio Gi.Vi.Emme della casa farmaceutica Carlo Erba. Ideatori: Dino Villani (1898 –1989), pubblicitario veronese, Cesare Zavattini (1902-1989), intellettuale emiliano, e il settimanale ‘Tempo’, cui le ragazze dovevano mandare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?