2 mar 2022

L’alpinista e il velista scaleranno l’oceano

Il re delle vette Barmasse si unisce a Soldini nella traversata su un trimarano. Raccoglieranno dati sulla presenza di CO2 nel mare

marco buticchi
Cronaca
featured image
Giovanni Soldini, 55 anni, a sinistra, con l’alpinista valdostano Hervé Barmasse, 44 anni

Per allentare la tensione che ci attanaglia, Schopenhauer sarebbe ricorso al sublime: uno spettacolo della natura o delle umane capacità in grado di farci dimenticare guerre e pandemie. Immaginatevi, allora, un paradiso caraibico di spiagge candide e acque cristalline come Antigua. In porto ormeggiate un mostro di tecnologia: il primo trimarano a montare i foil, le pinne che consentono a una vela di decollare dalla superficie dell’acqua. A bordo mettete un equipaggio pluridecorato e il campione assoluto nella navigazione oceanica a vela. Ma non è tutto. Pensate all’invisibile legame che sempre unisce gli estremi. Un filo sottile che fa palpitare, quando nasce nel cuore dell’avventura. Il trimarano Maserati Multi70 ha mollato gli ormeggi ad Antigua in queste ore per rientrare alla Spezia. Al timone Giovanni Soldini, alle manovre i compagni di mille avventure: Herrera Perez, Joffrin, Pedol, Matteo Soldini e Sardi. Ma non finisce qui. Si è unito ai navigatori, reduce dalla spedizione sul Nanga Parbat, Hervè Barmasse. Se vi capita di scorrere le vette che l’alpinista aostano ha scalato, vi accorgete che manca soltanto il Monte dei Pegni, perché tutte le più impegnative montagne le ha conquistate. Barmasse si è imbarcato a sorpresa, unendosi all’equipaggio del trimarano formula uno del mare. Ma, direte voi, che cosa c’entra uno scalatore con un velista? Non è la specifica disciplina a unire due moderni eroi così diversi. È la passione per l’ignoto, la sfida con sé stessi, il rapportarsi ad armi pari con la natura che ci circonda e riuscire, in qualche modo, a piegarla con la sola forza delle proprie braccia. In questa lotta leale, non vale la prevaricazione: nessuno sfida per dominare, ma per piegarsi all’immensità del Creato. Avere cognizione della nostra forza induce ad apprezzare la perfezione di ciò che ci circonda, regala consapevolezza delle proprie possibilità, rende umili ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?