Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
27 lug 2021

Incendi in Sardegna, trovato un innesco nel Nuorese

Operai hanno spento le fiamme appena partite. Il sindaco: "Si vuol mettere sotto pressione la macchina". Ma il ritrovamento non c'entra con i roghi di questi giorni. Sui 10mila ettari in cenere, aperto un fascicolo per incendio boschivo colposo aggravato

27 lug 2021
featured image
Incendi in Sardegna, trovato un innesco nel Nuorese
featured image
Incendi in Sardegna, trovato un innesco nel Nuorese

Oniferi (Nuoro), 27 luglio 2021 – "Quei ragazzi si sono trovati nel posto giusto al momento giusto. Altrimenti oggi saremmo di nuovo qui con i canadair". Stefania Piras, sindaco di Oniferi (Nuoro), commenta così il ritrovamento dell’innesco che stamane aveva già provocato un principio d’incendio nel suo comune. Chiarisce subito: "Ma tutto questo non c’entra nulla con i roghi di questi giorni. Siamo a decine di chilometri. Certo trovare una roba del genere dopo la devastazione che c'è stata... Non so se ci sia un disegno, quello di mettere amministratori e macchina antincendio sotto assedio. Perché mi sa che di questo si tratta". Sono stati degli operai a sventare l’ennesima sciagura. "Sono stati bravissimi, mi hanno avvisata a cose fatte - racconta il sindaco -. Passavano sulla statale 131, una strada importante e molto trafficata. Erano circa le 11. Il fuoco era già partito, l’hanno spento loro. Hanno usato i mezzi che avevano a disposizione. Stava proprio iniziando, stava partendo. Certo, non tutti gli incendi sono dolosi ma tutti sono colposi". Un sospiro di sollievo. "Per fortuna non ha fatto danni, è stato spento all’istante - ripensa Stefania Piras -. Oggi c’era un bel venticello. Se quegli operai fossero arrivati cinque minuti più tardi, adesso staremmo a lottare con i canadair. Scampato pericolo davvero. E' come negli infarti, se intervieni in modo tempestivo... Ci tengo a ringraziare questi ragazzi. Senza il loro intervento, ci saremmo trovati con un nuovo disastro. Anche perché tutte le forze sono concentrate nell'Oristanese". 

E proprio sul rogo che ha devastato la Sardegna è stato  aperto un fasciolo contro ignoti per incendio boschivo colposo aggravato. Il procuratore di Oristano Ezio Domenico Basso nel pomeriggio ha svolto un sopralluogo a Bonarcado, dove venerdì è andata a fuoco un'auto. Questo ha  innescato un primo fronte d’incendio, poi si dovrà accertare se tutto il disastro sia dipeso   solo da questo o se invece si siano poi aggiunte in un secondo momento altre cause che possono aver aggravato l’evento. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?