1 Brunetta

Per il ministro Renato Brunetta (in foto), da gennaio

le pubbliche amministrazioni potranno fare "tutto lo smart working che vogliono"

se ci sarà un contratto,

una piattaforma dedicata

e la "soddisfazione

dei cittadini".

2 Bombardieri

Sull’attuazione dell’obbligo

di Green pass e "l’incrocio" con lo smart working "vedremo nei prossimi giorni come si regolerà il ministro Brunetta e quindi le singole amministrazioni". Così

il segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri.

3 Treu

Il datore di lavoro non è obbligato a proporre lo

smart working ai No Vax: "Escluderei l’obbligo, ma anche ci fosse non è detto che tutti i datori siano in grado

di offrire mansioni da remoto".

Così Tiziano Treu,

presidente del Cnel.