Giovedì 30 Maggio 2024

Morto escursionista sul Gran Sasso. La guida alpina: “Lassù ora è troppo pericoloso”

La vittima è un 52enne di Orvieto, istruttore alpinista. E’ precipitato durante la discesa, è caduto dal lato teramano della vetta

Gran Sasso (Ansa)

Gran Sasso (Ansa)

Teramo, 7 maggio 2023 - Tragedia sul Gran Sasso: un escursionista di 52 anni di Orvieto, Fabio Racanella, è precipitato dalla Direttissima ed è morto. Il tragico incidente è accaduto poco prima di mezzogiorno e inutili sono stati i soccorsi in elicottero del 118 teramano che si è poi diretto all'ospedale dell'Aquila. L'uomo è caduto dal lato teramano della vetta. La salma verrà portata all'ospedale di Teramo, per poi procedere agli accertamenti.

Racanella era un esperto. Istruttore alpinista di Orvieto, conoscitore della montagna e socio del Cai, aveva raggiunto le vetta del Corno Grande e durante la discesa è stato visto cadere lungo il Canale Bissolati, a quota 2.700 metri. Immediato l'allarme all'elicottero del 118 ma non c'è stato nulla da fare. 

La guida: troppo pericoloso ora

"Io sono ad arrampicare sulla Costiera Amalfitana, perché so bene che adesso, lassù, non è il caso di andare”. È lapidario Davide Di Giosafatte, il Presidente dee Guide Alpine d'Abruzzo, commentando il grave incidente di oggi, l'ennesimo, sul Gran Sasso. “Il meteo non prevedeva nulla di buono, ci sono state delle precipitazioni recenti e ci vuole una attenzione speciale: siamo a fine stagione, le temperature sono in aumento, entro mezzogiorno al massimo devi stare al sicuro proprio per l'instabilità della neve dovuta al calore - prosegue il capo delle Guide -. La stagione è 'andata’, lo ripeto a tutti, per fare quelle cose. Ora è troppo rischioso, oltre tutto c'è stata una grossa valanga nella Conca degli Invalidi, che testimonia la pericolosità della montagna”.