Dietro il rapimento dell’ingegnere italiano Vanni Calì, ci sarebbe una gang locale chiamata "400 Mawazo".

Si tratta di una delle circa cento bande attive da diversi anni nell’isola caraibica. Il territorio in cui i 400 Mawazo imperversano a a Port-au-Prince si chiama Croix-des-Bouquets. Ad aprile, proprio a questa gang è stato attribuito il rapimento di sette religiosi, per i quali è stato chiesto un milione di dollari di riscatto.

Queste azioni sono, del resto, l’ultimo esempio della violenza che attanaglia Haiti, sono diverse le zone controllate da bande armate, che si scontrano regolarmente per conquistare nuovi traffici e fette di potere.

Negli ultimi anni, è esplosa la piaga dei sequestri a scopo di riscatto: ne sono stati registrati 243 nel solo 2020, rispetto ai 78 dell’anno precedente