19 feb 2022

Draghi fa il paciere ma non arretra "Governo bellissimo, ora lavoriamo"

Il premier tiene il punto rispetto alle forti polemiche del giorno precedente anche se i toni usati sono più soft

ettore maria colombo
Cronaca

di Ettore Maria Colombo Il Consiglio dei ministri vara all’unanimità i decreti contro il caro-bollette e per scongiurare frodi sui bonus edilizi, a cominciare dal Superbonus, ma soprattutto per imprimere nuova forza all’attività di governo e uscire delle ultime impasse. Il premier si concede persino una battuta ("avete visto che ministri bravi ho, è un governo bellissimo"), ma non nega le divergenze che l’hanno portato, l’altro giorno, a minacciare la crisi di governo contro partiti riottosi e rissosi. Di fatto il presidente del Consiglio tiene il punto: "Ho ricordato alla maggioranza il nostro mandato, indicato dal presidente Mattarella. L’ho detto con il massimo rispetto. Possiamo rivedere le modalità di confronto, ma teniamo dritta la barra del timone". Nella conferenza stampa post-Cdm, comunque, Draghi cerca di chiudere sulla questione politica che ha sollevato lui stesso dopo che il governo era andato sotto per quattro volte sul Milleproroghe. Draghi non smentisce la dura reprimenda fatta ai partiti, ma smussa, senza però mostrare tentennamenti. Nel governo, ammette, "ci sono diversità di opinioni. Ho ricordato il mandato del governo, creato dal presidente della Repubblica per affrontare certe emergenze e conseguire certi risultati. Sono sicuro che riusciremo a raggiungere i risultati". Certo è possibile rivedere "certe modalità di dialogo e confronto", come chiesto da alcune forze politiche, ma occorre tenere "la barra del timone dritta", appunto. Che è anche come dire: alla fine decido io, adeguatevi. Torna il sereno dunque? Questo è tutto da vedere, visto anche che poco dopo la fine della conferenza stampa Matteo Salvini twitta: "Chi la dura la vince!", un modo per rivendicare alla Lega, e solo alla Lega, la manovra sulle bollette. Per di più, Giorgetti tira pure una stilettata a Salvini e ai suoi continui distinguo dal governo: "La politica è l’arte di rendere possibile ciò che è desiderabile. Il mio ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?