Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
16 mag 2022

Con la musica Kiev unisce l’Europa E la band ucraina torna al fronte

Zelensky esulta per la vittoria dei Kalush Orchestra: "Il prossimo anno faremo il festival a Mariupol". Il cantante in tv: "Vogliono uccidere la nostra cultura, ma noi l’abbiamo fatta vivere e conoscere a tutti"

16 mag 2022
luca bolognini
Cronaca
Il gruppo Kalush Orchestra festeggia la vittoria all’Eurovision 2022 dietro una bandiera dell’Ucraina
Il gruppo Kalush Orchestra festeggia la vittoria all’Eurovision 2022 dietro una bandiera dell’Ucraina
Il gruppo Kalush Orchestra festeggia la vittoria all’Eurovision 2022 dietro una bandiera dell’Ucraina
Il gruppo Kalush Orchestra festeggia la vittoria all’Eurovision 2022 dietro una bandiera dell’Ucraina
Il gruppo Kalush Orchestra festeggia la vittoria all’Eurovision 2022 dietro una bandiera dell’Ucraina
Il gruppo Kalush Orchestra festeggia la vittoria all’Eurovision 2022 dietro una bandiera dell’Ucraina

di Luca Bolognini La vittoria dell’Ucraina all’Eurovision vale quanto l’affondamento dell’incrociatore russo Moskva. Il fronte mediatico, in qualunque guerra, è decisivo. Se il presidente Volodymyr Zelensky in febbraio fosse fuggito, invece di dire agli americani: "Non mi servono passaggi, ma munizioni", quasi sicuramente la Storia avrebbe preso un’altra piega. E molto probabilmente i Kalush Orchestra non sarebbero risaliti dall’ottavo al primo posto del festival della canzone europea grazie al televoto. Non è un caso che Zelensky, sempre molto attento alla comunicazione, sia intervenuto per spingere il gruppo ucraino prima della finale e abbia commentato a caldo il trionfo canoro. "Il nostro coraggio impressiona il mondo, la nostra musica conquista l’Europa. L’anno prossimo l’Ucraina ospiterà l’Eurovision per la terza volta nella storia e – ha scritto sui social – faremo il possibile affinché si possa tenere a Mariupol". Proprio la città che dal 24 febbraio è assediata dai russi e dove i bombardamenti senza quartiere hanno ucciso oltre 20mila persone era stata evocata dai Kalush Orchestra, che dopo essersi esibiti avevano lanciato un appello per aiutare Mariupol. Se i giudici non avessero interpretato le loro parole come un messaggio umanitario, visto che quelli politici sono vietati, sarebbero stati squalificati. "Era un prezzo che non avrei esitato a pagare. La nostra gente – ha spiegato Oleh Psiuk, cantante e leader del gruppo folk hip hop – è bloccata nell’acciaieria Azovstal e non può uscire. Bisogna liberare quelle persone e per farlo abbiamo necessità di far circolare le informazioni, di fare pressione sui politici". Tanto che che Stefania, la canzone dei Kalush Orchestra inizialmente dedicata alla madre del frontman, con lo scoppio della guerra è stata reinterpretata come un omaggio all’Ucraina, con versi che recitano: "Non puoi portarmi via la forza di volontà, perché l’ho ricevuta da lei" e "Troverò sempre la via per tornare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?