Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
30 nov 2021

"Buon Natale? Meglio buone feste". Nuove linee guida, l’ultima follia Ue

La Commissione prova a giustificarsi: "Si tratta di un documento interno, siamo neutrali sulla religione"

30 nov 2021
elena g. polidori
Cronaca
Ursula von der Leyen, 63 anni, la presidente della Commissione Ue Per Bruxelles è meglio evitare riferimenti al Natale per non offendere i non cristiani
Ursula von der Leyen, 63 anni, la presidente della Commissione Ue
Ursula von der Leyen, 63 anni, la presidente della Commissione Ue Per Bruxelles è meglio evitare riferimenti al Natale per non offendere i non cristiani
Ursula von der Leyen, 63 anni, la presidente della Commissione Ue

Cosa c’è – anzi, cosa ci dovrebbe essere – di più spontaneo e vero di un augurio di Natale? Nulla. Se solo la Ue non avesse pensato bene di dare una "direttiva" anche su questo per evitare – si sostiene – di non mettere in imbarazzo chi riceve un augurio, ma non è di fede cristiana. Non una semplice raccomandazione, attenzione, ma un vero e proprio decalogo stilato dalla commissione Ue, con all’interno una lista di espressioni da usare per non urtare la sensibilità di nessuno: niente riferimento religioso negli auguri, in ogni discorso sul 25 dicembre o nelle frasi scritte per mail o messaggio. "Ogni persona in Ue ha il diritto di essere trattato in maniera eguale", si legge, senza riferimenti di "genere, etnia, razza, religione, disabilità e orientamento sessuale". Questo, scrive Bruxelles per una "corretta comunicazione" raccomandata dalla Commissione dal titolo "Union of Equality". L'Ue ritira le linee guida sul linguaggio dopo le polemiche: "Non adeguate" Sembra di sognare? Un po’ si. Perché addirittura la parola che da il senso al tutto, appunto "Natale" va – andrebbe – sostituita con "festività" o "feste". Ecco un esempio concreto contenuto nel documento: al posto di "il Natale è stressante", si deve dire "le festività sono stressanti". Quindi, invece di "buon Natale" è preferibile "buone feste". "Evita di dare per scontato che tutti siano cristiani — è l’indicazione contenuta nel documento interno —. Non tutti celebrano le feste cristiane, e non tutti i cristiani le celebrano nelle stesse date. Sii sensibile al fatto che le persone hanno diverse tradizioni religiose e calendari". Anche "buone vacanze" potrebbe andare bene. Un altro esempio: non usare nomi cristiani o che siano tipici di una religione. Tra gli altri suggerimenti, "non usare mai nomi di genere come ‘operai, poliziotto o pronomi maschili’ come un valore ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?