Giovedì 16 Maggio 2024
RITA BARTOLOMEI
Cronaca

Aviaria, Bassetti: “Il virus H5N1 rischia di essere la prossima pandemia. Ecco cosa serve”

Il direttore del reparto Malattie infettive del San Martino di Genova al telefono dall’Escmid Global Congress, il più importante appuntamento mondiale degli infettivologi

Roma, 27 aprile 2024 – Dall’influenza aviaria potrebbe arrivare la prossima pandemia? “Oggi non possiamo dirlo con certezza. Ma che questo virus H5N1 abbia forato una serie importante di altri animali per arrivare addirittura a mammiferi da allevamento, pone all’attenzione del mondo, scientifico e politico, un problema”. 

Approfondisci:

Aviaria, studio Usa: “Virus H5N1 nelle fogne in Texas”. Le ipotesi degli scienziati e quali sono i rischi

Aviaria, studio Usa: “Virus H5N1 nelle fogne in Texas”. Le ipotesi degli scienziati e quali sono i rischi
Approfondisci:

Aviaria, negli Usa contagio esteso a orsi polari e delfini. Cosa sta succedendo in Italia

Aviaria, negli Usa contagio esteso a orsi polari e delfini. Cosa sta succedendo in Italia
Approfondisci:

Zanzare e malaria, ma in Italia c’è pericolo? Il parere di Lopalco

Zanzare e malaria, ma in Italia c’è pericolo? Il parere di Lopalco

Così ragiona Matteo Bassetti, direttore del reparto Malattie infettive al San Martino di Genova, al telefono con Qn.net da Barcellona, dove oggi inizia l’Escmid Global Congress, il più importante appuntamento mondiale degli infettivologi.

Aviaria: dai polli alle mucche da latte (negli Usa): cosa dobbiamo aspettarci
Aviaria: dai polli alle mucche da latte (negli Usa): cosa dobbiamo aspettarci

Aviaria, le parole di Matteo Bassetti

Osserva il professore: “In America nel latte crudo potrebbero esserci tracce un virus che era dei polli. Nessuno può sapere se sia vitale e in grado di trasmettere le infezioni. Ma questo mi pare un dato di fatto. L’Appello di Oms e Fao ad innalzare la soglia dei controlli conferma che siamo di fronte a qualcosa di diverso, rispetto ai casi di 25 anni fa, documentati nei volatili”.

L’appello dell’Oms sul latte crudo

Dopo la diffusione dell’aviaria tra le mucche da latte negli Usa e le indagini sul possibile ruolo nella trasmissione,  Oms e Fao hanno “consigliato vivamente di consumare latte pastorizzato e non crudo”.

Approfondisci:

Dengue e malaria, è boom di casi nel mondo. “Colpa del riscaldamento globale, ecco lo scenario del 2100”

Dengue e malaria, è boom di casi nel mondo. “Colpa del riscaldamento globale, ecco lo scenario del 2100”

Batteri resistenti agli antibiotici, “fino a 40mila morti in Italia”

Il congresso di Barcellona – “il più importante del mondo in questo settore”, sottolinea Bassetti – ha messo sotto i riflettori alcuni problemi mondiali. “E’ stato lanciato un appello all’Onu e ai governi – ricorda il professore – per i batteri antibiotico-resistenti che uccidono 5 milioni di persone nel mondo e almeno 30-40mila in Italia”. 

Bassetti interverrà anche sulle infezioni fungine, tra tutte la Candida auris. Osserva l’infettivologo: “Oggi qui sono riunite 20mila persone, parlo di addetti ai lavori. Il tema delle malattie infettive è tornato centrale come problema di saluter mondiale, soprattutto dopo la pandemia. Prima nessuno si fumava questi congressi”.

Clicca qui se vuoi iscriverti al canale WhatsApp di Qn