Mercoledì 24 Luglio 2024
RITA BARTOLOMEI
RITA BARTOLOMEI
Cronaca

Variante Covid KP.3 che minaccia il luglio degli italiani. “Ecco come non rovinarsi le vacanze”

L’epidemiologo Massimo Ciccozzi: “Quali sono i sintomi e quanto dura”. I dati dell’Istituto superiore di sanità e lo scudo dell’immunizzazione ibrida

Roma, 9 luglio 2024 – Variante Covid KP.3: siamo nel picco estivo di contagi, “40% in più dalla settimana scorsa, secondo i dati dell’Iss, l’Istituto superiore di sanità”, ricorda l’epidemiologo Massimo Ciccozzi al telefono con Qn.net. Abbiamo chiesto all’esperto l’analisi della situazione e soprattutto come non rovinarsi le vacanze.

Approfondisci:

Aviaria nell’uomo, Bassetti dopo gli ultimi casi negli Usa: “Nessun dubbio che sarà la prossima pandemia. La domanda è solo quando”

Aviaria nell’uomo, Bassetti dopo gli ultimi casi negli Usa: “Nessun dubbio che sarà la prossima pandemia. La domanda è solo quando”
Covid, ecco i sintomi della variante KP.3
Covid, ecco i sintomi della variante KP.3

Variante Covid KP.3: come non rovinarsi le vacanze

Professor Ciccozzi, quali sono le precauzioni da adottare prima di partire per le vacanze? “Mi sento di dare un solo consiglio: indossare la mascherina in treno o in aereo. Chiarisco bene, perché c’è chi ha già polemizzato: la protezione va usata solo per il viaggio, altrove a mio parere non ce n’è bisogno. Perché bisogna stare attenti a non fare terrorismo, anche se questa situaizone richiede attenzione”.

Variante Covid KP.3, i sintomi

I sintomi della variante Covid KP.3 sono “simil influenzali – chiarisce Ciccozzi -. Mal di testa, forte raffreddore, febbricola. Durano 4-5 giorni, sicuramente in una persona anziana o fragile possono essere naturalmente anche più importanti. Abbiamo registrato l’aumento dei contagi ma nessun decesso, nessun ricovero in terapia intensiva, solo qualche ingresso in più in ospedale, ma stiamo parlando di persone anziane o di chi viene ricoverato per altri motivi e poi scopre di avere il Covid”.

Lo scudo dell’immunizzazione ibrida

Ma nessun allarme, ribadisce il professore. Anche perché “la maggior parte delle persone ormai ha sviluppato un’immunizzazione ibrida, cioè si è vaccinata e ha preso il Covid. Quindi il nostro sistema immunitario viene stimolato da due fattori”, uno scudo “molto più forte che ci protegge più a lungo”.