Riccardo Muti, 79 anni, dirigerà il concerto di Capodanno a Vienna. Con gli applausi in diretta online di settemila spettatori
Riccardo Muti, 79 anni, dirigerà il concerto di Capodanno a Vienna. Con gli applausi in diretta online di settemila spettatori
Molti applaudiranno dal salotto, qualcuno magari starà facendo colazione, altri – complice il fuso orario – saranno in camera da letto. Tutti idealmente insieme al Musikverein di Vienna per la marcia di Radetzky. Nello sfavillante Concerto di Capodanno dei Wiener Philharmoniker, che il 1° gennaio Riccardo...

Molti applaudiranno dal salotto, qualcuno magari starà facendo colazione, altri – complice il fuso orario – saranno in camera da letto. Tutti idealmente insieme al Musikverein di Vienna per la marcia di Radetzky. Nello sfavillante Concerto di Capodanno dei Wiener Philharmoniker, che il 1° gennaio Riccardo Muti dirigerà per la sesta volta, non ci saranno soltanto i 40 milioni di telespettatori collegati da 100 Paesi, ma anche un pubblico chiamato ad applaudire da casa. Per la prima volta la sala d’oro non accoglierà gli spettatori nelle ambitissime poltroncine, ma la tv austriaca ha sviluppato una tecnologia per inviare in diretta l’applauso.

Concerto di Capodanno 2021 a Vienna: dirige Muti. Come seguirlo in tv

Intendevano coinvolgere duemila persone, tuttavia le adesioni sono state così entusiastiche che hanno dovuto ampliare la platea a settemila partecipanti: i loro applausi verranno diffusi alla fine della prima parte e al termine del concerto, e già oggi alle 11.33 – come da convocazione ufficiale – ci saranno le ‘prove audio’. Non applausi finti o registrati, dunque, ma reali, anche se a distanza. Lo sappiamo: un applauso è come un bacio o un abbraccio, e dietro a uno schermo non è la stessa cosa. Ma in questo anno così gelido, anche un battimani che viaggia per migliaia di chilometri, fino a raggiungere un teatro, è qualcosa di più. Una carezza, una stretta di mano, un coro che si riunisce non solo contro il virus, ma anche contro silenzio, tristezza, solitudine. Siamo tutti sulla stessa barca, e anche nello stesso applauso.