Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
9 giu 2022

Ammazza l’ex e la nuova compagna E si uccide nell’auto piena di esplosivo

L’orrore in provincia di Vicenza. La prima sparatoria in strada, la seconda sulla Tangenziale dopo la fuga

9 giu 2022
giovanni rossi
Cronaca

di Giovanni Rossi Doppio femminicidio con suicidio e lancio di granate: uno scenario da mattanza balcanica. C’è una successione esponenziale di fatti nella tragedia che a Vicenza mette fine a tre vite. Zlatan Vasiljevic, di nazionalità bosniaca, prima giustizia l’ex moglie Lidia Miljkovic, 42enne croata dal sorrriso solare; poi, chiuso nell’abitacolo della propria auto in fuga, infligge lo stesso feroce destino anche alla compagna degli ultimi tempi, una giovane venezuelana. Il suicidio finale sigilla un copione drammatico, connesso ai trascorsi dell’uomo, già arrestato nel 2019 per reiterati maltrattamenti alla moglie: principio di strangolamento, colpi alla testa, minacce sanguinose: "Ti cavo gli occhi". Otto anni di abisso. E adesso l’inferno. Due ragazze di 13 e 16 anni oggi sono sole al mondo: senza mamma Lidia straziata dal papà assassino. Una delle tante storie di violenza che si trasformano in lutto anche in ragione di un contesto sociale e giuridico sostanzialmente incapace di prevenire i delitti. Vicenza è "sgomenta", ammette il sindaco Francesco Rucco, che per oggi alle 19 indice un momento di raccoglimento pubblico in piazza dei Signori. E subito la politica tutta interpreta il coro rituale dei giorni di femminicidio. Repliche in buona fede, ma dall’esito scontato di certificare il fallimento del sistema. Agli inquirenti si presenta uno scenario di efferratezza inconsueta. La prima esecuzione avviene di mattina in via Vigolo. È quasi un agguato militare. L’assassino vuole la morte della ex. Aspetta che la donna abbia portato la figlia più piccola a scuola in auto, poi la affianca e spara un colpo dietro l’altro. In un disperato tentativo di reazione, la donna esce dall’auto. Invano. Altri colpi la raggiungono. La ritrovano riversa sull’asfalto. I testimoni contano sei colpi. L’uomo, del tutto fuori controllo, si apre la fuga facendo esplodere una granata. Tra precedenti e testimonianze sul luogo del delitto, le forze di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?