Introduzione:

Quando penso all’infanzia in generale c’è un’immagine ben precisa nella mia testa. Bambini che giocano, tutti sporchi di terra, con fili d’erba tra i capelli scompigliati e le guance colorite. L’immagine di me stessa durante l’infanzia è molto simile a quella appena descritta, con la differenza che io giocavo con uova e farina e i miei capelli erano pieni di impasto finito lì chissà come. Tutta colpa di genetica, tradizione e abitudine perché tra nonni austriaci e friulani e genitori calabresi e milanesi, ne ho viste di tutti i colori. Questa è stata la più grande fortuna della mia vita, ovvero imparare l’essenza del mondo a partire dalla cucina di casa. Sono felicissima quindi di mostrarti come fare in casa uno degli ingredienti cardine della nostra cultura: la pasta fresca di semola. Orecchiette, cavatelli, scialatielli e chi più ne ha più ne metta… insomma, per un’occasione speciale non può mancare una genuina pasta all’uovo per delle lasagne insuperabili, oppure la pasta fresca di semola. Davvero semplice da fare, puoi condirla poi come più ti piace. Io sono stata fortunata perché sin da bambina son sempre stata coinvolta in queste cose: prepara la pasta con i piccoli di casa. Sarà un ricordo indelebile.

Procedimento:

Per la fare la pasta fresca di semola:

Versa 250 g di farina di semola rimacinata di grano duro nella ciotola di una planetaria munita di frusta K, poi aggiungi 130 g di acqua e 10 g di olio di oliva a filo.

Aziona la planetaria a velocità media fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Una volta pronto, spegni e trasferisci l'impasto sulla spianatoia e lavoralo con le mani per ottenere la forma di una sfera: avvolgi il panetto nella pellicola trasparente e lascialo riposare in frigorifero o al fresco per 10-15 minuti.

Trascorso il tempo necessario, puoi usare la pasta fresca di semola per i formati che preferisci!

bit.ly\/2hXRgK3​

 
a cura di Sonia Peronaci