Brasile, quei messaggi della Pubblica Sicurezza: "Tutto calmo e pacifico, una passeggiata"

L'opposizione ha chiesto l'impeachment per il governatore Rocha. I capi della polizia militare sono stati sostituiti, mentre il segretario Torres è stato licenziato

Brasilia, 9 gennaio 2023 – Appare sempre più chiaro che se non conniventi con gli invasori dei palazzi del potere, le autorità del Distretto federale, lo Stato da cui dipende la capitale, sono state molto poco reattive con la situazione che si è creata ieri dopo le tre del pomeriggio con gli atti golpisti e terroristi che hanno minato al cuore la democrazia brasiliana. Una situazione scappata di mano, se volontariamente o non saranno le autorità giudiziarie a deciderlo. Intanto il Supremo Tribunale Federale ha sospeso per novanta giorni dalle sue funzioni il governatore, Ibaneis Rocha, del Movimento democratico brasiliano, per cui l’opposizione ha chiesto la procedura immediata di impeachment. Sostituiti anche i capi della polizia militare di Brasilia.

Il futuro di Bolsonaro tra estradizione e sostegno: il Brasile si spacca in due

Militari al Palazzo Planalto, Brasilia (Afp)
Militari al Palazzo Planalto, Brasilia (Afp)

Leggi anche: Brasile: arrestati 1.200 manifestanti. Bolsonaro in Florida, dem Usa chiedono estradizione

Poco prima dell'invasione, Rocha ha ricevuto una serie di messaggi dal segretario ad interim per la Pubblica Sicurezza, Fernando de Sousa Oliveira, che gli diceva che “tutto era calmo" e che la manifestazione era "completamente pacifica". Oliveira affermava che la segreteria aveva negoziato con i manifestanti accampati davanti al Quartier generale dell'Esercito affinché potessero recarsi alla Spianata dei Ministeri in modo "pacifico" e "organizzato". Il segretario sostiene inoltre che la polizia aveva accettato di accompagnare il gruppo durante la “passeggiata” di circa otto chilometri. Il delegato dice anche che circa 150 autobus erano nel Distretto Federale. Secondo lui, l'intelligence stava monitorando la situazione e non c'era "nessuna segnalazione di un problema di aggressività". L'informazione è stata divulgata dal portale Metrópoles e confermata da Folha.

A mezzogiorno un altro rapporto: "Il clima è molto calmo, molto mite. Il movimento è molto fluido. E la manifestazione è completamente pacifica. Finora. La nostra intelligence lo sta monitorando e non ci sono segnalazioni di aggressività, legate a questo tipo di comportamento". Fernando de Sousa Oliveira è il numero due dell’ormai ex titolare, Anderson Torres, che è stato licenziato direttamente mentre si trovava, stranamente, in vacanza negli Stati Uniti, destinazione per la quale era partito proprio alla vigilia delle manifestazioni. E dopo avere presieduto un vertice in cui era stato promesso che sarebbe stata installata una barriera per vietare l'ingresso dei manifestanti nella zona dei palazzi del potere. Ma il personale sul posto domenica pomeriggio è stato ridotto e non è stato in grado di contenere il gruppo di golpisti provenienti dall’accampamento di fronte al Quartier generale dell’Esercito. Il governatore Rocha, prima di essere sospeso, ha registrato un video per scusarsi con il presidente Luiz Inácio Lula da Silva e con i presidenti delle Camere e del Supremo per gli atti di terrorismo: "Non abbiamo mai creduto che queste manifestazioni avrebbero assunto le proporzioni che hanno avuto". La sinistra ha chiesto anche per i politici improvvidi l’arresto come per i golpisti invasori.

Approfondisci: Brasile, la moglie di Lula denuncia: "Vandalizzata negli anni la residenza presidenziale"