Avverto una reazione imbarazzata alla mia paradossale dissacrazione di un tabù relativo al Papa. Ho dichiarato: «Il papa è ateo: crede più all’uomo che a Dio». L’affermazione non contraddice la dottrina cristiana e i suoi fondamenti nel primato del rispetto per la persona: ama il prossimo tuo come te stesso. Da cui deriva la sintesi: «homo homini deus». È proprio partendo di qua che il più alto esponente di una religione monoteista non può pensare che vi siano due Dei, quello dei cristiani e quello degli islamici; ma che Dio è uno e ha creato anche il musulmano. Pensare di essere dalla parte della religione giusta sarebbe un errore, come quello che muove i terroristi, ispirati da Allah, a fare stragi di infedeli.

@VittorioSgarbi