Sono arrivati a Tokyo Zakia Khudadadi e Hossain Rasouli, i due atleti afghani scappati da Kabul: potranno gareggiare alle Paralimpiad grazie all’aiuto di enti governativi e umanitari che ne hanno favorito la fuga dall’Afghanistan verso Parigi, dove entrambi si sono allenati in vista delle gare giapponesi. Superati i test del protocollo anti-Covid, ieri hanno raggiunto l’aeroporto di Haneda. Zakia Khudadadi sarà la prima atleta donna afghana a partecipare alle Paralimpiadi da Atene 2004, gareggerà il 2 settembre nel taekwondo, categoria K44-49 kg. Hossain Rasouli lo farà il 3 settembre nelle batterie dei 400 metri.

"Apprendere che Zakia è arrivata al villaggio paralimpico è veramente una cosa bella, già questa è una grandissima vittoria. Che sia poi la prima donna afghana a partecipare nel taekwondo è un grande piacere", ha detto il presidente della Federazione italiana taekwondo, Angelo Cito.