di Riccardo Galli Team Owner Valentino Rossi. Ovvero, proprietario. E fa davvero uno strano effetto leggere il nome, quel nome, in quella posizione e in quel ruolo, accanto all’iscrizione del Team VR46. Team che parteciperà e porterà i colori di Rossi al Mondiale 2022 nelle classi MotoGp e Moto2. Questa, insomma, la nuova vita di Vale a due ruote. Proprietario (e maestro di pista) del team...

di Riccardo Galli

Team Owner Valentino Rossi. Ovvero, proprietario. E fa davvero uno strano effetto leggere il nome, quel nome, in quella posizione e in quel ruolo, accanto all’iscrizione del Team VR46. Team che parteciperà e porterà i colori di Rossi al Mondiale 2022 nelle classi MotoGp e Moto2. Questa, insomma, la nuova vita di Vale a due ruote. Proprietario (e maestro di pista) del team battezzato con la sua sigla (Vr46, appunto) e marchiato con il nuovo title sponsor, Mooney, azienda "leader nel settore del proximity banking e payments". Rossi affronterà la sua prima stagione da manager con quattro dei suoi (migliori) allievi dell’Academy. In MotoGp ci saranno le due Ducati del fratello Luca Marini e di Marco Bezzecchi. In Moto2 ecco le Kalex di Celestino Vietti e Niccolò Antonelli.

Obiettivi, idee chiare e ambizioni, il Mooney Vr46 archivia così definitivamente il tormentone (finito in un nulla di fatto) della possibilità che l’Academy di Valentino avesse come partner il principe arabo che qualche mese fa aveva contattato Rossi con la promessa di mettere sul piatto i milioni per portare la squadra di Rossi alla ribalta delle prossime edizioni del Mondiale.

"Sono felice – ha detto Rossi alzando il sipario sulla sua nuova avventura – di avere al nostro fianco una società italiana, con la quale condividiamo la strategia dello sviluppo dei giovani talenti italiani e la ricerca costante del miglioramento della performance. Mooney ci affiancherà anche nella Vr46 Riders Academy e nella mia prima stagione racing nel mondo delle quattro ruote". Quattro ruote che vedranno Rossi in pista già alla fine di questa settimana, per il classico appuntamento con la 12 Ore del Golfo, alla quale il numero 46 parteciperà insieme al fratello Luca e Uccio Salucci.

Il gruppo è partito per Abu Dhabi (prove e qualifiche venerdì, gara sabato, con podio quando in Italia sarà tarda serata) dove cercherà la vittoria alla guida di una Ferrari 488 GT3 gestita dal Monster VR46 Kessel Racing.