All’Uae Tour lo sprint è ancora di Sam Bennett, ma è contento anche il primo dei battuti. "Ci siamo quasi, mai smettere di crederci", scrive sui social Elia Viviani, dopo aver chiuso alle spalle dell’irlandese. Per l’olimpionico è il segnale di una buona ripartenza dopo i problemi di aritmia del mese scorso. Nello sprint della sesta tappa, Viviani si arrende a Bennett, al secondo centro nella corsa, e precede Ackermann, Dekker, Gaviria e Nizzolo. Da registrare alcune cadute, una delle quali costringe Moschetti al ritiro. Oggi ultima tappa, ancora per velocisti, con Pogacar che si appresta a entrare nell’albo d’oro. In Belgio si apre la stagione delle classiche con la Omloop Het Nieuwsblad, una quindicina di muri del Fiandre da affrontare: al via l’iridato Alaphilippe, Gilbert, Bardet, Kristoff e i nostri Ballerini, Moscon, Colbrelli e Trentin.