Rafa Nadal
Rafa Nadal

Roma, 18 maggio 2019 – Rivincita fu. Rafa Nadal, sette giorni dopo essere stato sconfitto a Madrid, si riprende lo scalpo di Stefano Tsitsipas nella semifinale degli Internazionali d’Italia di Roma. Lo spagnolo ha vinto in due set in meno di due ore di gioco, mostrando di nuovo il suo stile concreto e sfiancante sulla terra rossa.

RAFA AL COMANDO - Manco a dirlo, la partita viaggia sui soliti binari del maiorchino, ovvero scambi interminabili da fondo campo. Ma Nadal sembra aver imparato dalla lezione di Madrid e oggi prova a comandare meglio il gioco. Infatti, già al secondo game strappa il servizio al greco, ma per farlo serve un passante miracoloso dei suoi. Lo spagnolo deve però salvare subito dopo una palla del contro break con un altro diritto magistrale, ne salva una seconda con un buon servizio esterno e alla fine tiene la battuta: 3-0. Tsitsipas paga a caro prezzo il primo game di battuta con poche prime, per il resto la partita si direbbe equilibrata. Si procede per servizi fino alla fine del set, con Nadal che non si lascia sfuggire il break di vantaggio e chiude 6-3 dopo 48 minuti di gioco. Anche nel secondo parziale il campione spagnolo mostra quella solidità che gli era mancata a Madrid e di nuovo al secondo game ha palla break, stavolta Tsitsipas annulla con una bordata di servizio. Ne arriva una seconda, ma Nadal la cicca clamorosamente sparacchiando out un facile passante di diritto. Dopo l’ennesima palla contestata da Tsitsipas all’arbitro, Nadal rimane lucido e strappa il servizio alla terza palla utile sfondando sul diritto del greco, poi conferma la battuta andando 3-1. A condannare il greco poche prime palle in campo e una percentuale di punti vinti sulla seconda solo del 40%. Si arriva al 5-4 in favore di Nadal senza altri break, con il maiorchino molto più propositivo rispetto a una settimana fa e infatti il risultato lo premia. Quando Tsitsipas arranca da fondo campo la diretta conseguenza è la mancanza di profondità dei colpi, ed è lì che Nadal conquista il campo e la rete. L’ultimo game è un monologo, non c’è bisogno di faticare per lo spagnolo che chiude 6-3, 6-4 in 1h e 42’. E’ Rafa Nadal il primo finalista degli Internazionali di Roma.