Novak Djokovic (Ansa)
Novak Djokovic (Ansa)
Roma, 20 aprile 2020 – L’arrivo di un vaccino per combattere il Coronavirus sembra purtroppo ancora decisamente lontano ma non è escluso che, una volta trovato, non venga reso una prassi obbligatoria per tutti coloro che volessero viaggiare e per coloro che volessero intraprendere sport a livello professionistico. Un’ipotesi accolta non certo con favore da Novak Djokovic, numero uno al mondo del tennis maschile: “Personalmente non sono favorevole a questo tipo di vaccinazione – ha detto Djokovic in una diretta Facebook – e non vorrei essere costretto a farla ad esempio per viaggiare”.

Qualora però un’eventuale obbligatorietà fosse introdotta il campione serbo sarebbe di fatto posto di fronte ad un bivio: “Se dovessimo essere obbligati a vaccinarci per giocare, dovrei prendere una decisione. Ho le mie idee ma non è detto che non possano cambiare. Se la stagione riprendesse a luglio, agosto o settembre, anche se è poco probabile, il vaccino sarebbe necessario subito all’uscita dalla quarantena, ma il vaccino ancora non c’è”.