Cincinnati, 18 agosto 2019 - Va a Daniil Medvedev la finale del torneo Atp di Cincinnati 2019. Il russo batte in due set (7-6, 6-4) David Goffin e si aggiudica il primo Masters 1000 della propria carriera grazie soprattutto alla sua straordinaria battuta, decisiva per rimandare al mittente il tentativo di rimonta del belga nell'ultimo game della partita. Con questa vittoria, Medvedev sale al quinto posto nella classifica mondiale.

LA CRONACA - Medvedev mette subito in chiaro le cose. Forzando a servizio, il russo lascia le briciole all'avversario nei propri turni di battuta. Goffin viene pure brekkato nel corso del quarto game: un momento che sembra spianare la strada a Medvedev verso la vittoria del primo set. Il classe '96 vola sul 4-1, ma il belga non molla, dimostrando di poter dire la sua eccome quando gli scambi si allungano. Medvedev appare perdere un po' delle sue certezze e non a caso si fa strappare il servizio dal rivale. Goffin rischia di sciupare l'occasione di pareggiare i conti, ma alla fine si aggiudica un combattutissimo ottavo game. Adesso l'equilibrio regna sovrano e non a caso si va al tie break, dove Medvedev ha il merito di sbagliare meno. Il russo chiude i conti sul 7-3, portandosi così sull'1-0 nel conto dei set.

Goffin accusa il colpo, lasciandosi sorprendere immediatamente a inizio secondo set. Medvedev piazza il break e torna dominante con il proprio servizio. Il belga tuttavia tenta strenuamente di restare dentro al match, difendendo i successivi turni in battuta. Al tennista 28enne occorrerebbe tuttavia un guizzo in più per rimettere in piedi la sfida. Sul 5-4, Medvedev serve per il match: dopo non aver concesso neppure un punto all'avversario, il russo va sotto 15-40. Quattro prime micidiali però ribaltano il game e gli regalano il trono di Cincinnati.