L’attesa è finita per la 78ª edizione degli Internazionali Open d’Italia di tennis. Saranno i più forti tennisti al mondo (con la sola assenza già annunciata da tempo di Roger Federer) a sfidarsi per lo scettro di Roma. Un torneo sempre più azzurro, con Jannik Sinner che dall’exploit di Miami in cui ha centrato la sua prima finale in un Master 1000, si affaccia sul Foro Italico con...

L’attesa è finita per la 78ª edizione degli Internazionali Open d’Italia di tennis. Saranno i più forti tennisti al mondo (con la sola assenza già annunciata da tempo di Roger Federer) a sfidarsi per lo scettro di Roma. Un torneo sempre più azzurro, con Jannik Sinner che dall’exploit di Miami in cui ha centrato la sua prima finale in un Master 1000, si affaccia sul Foro Italico con l’obiettivo di andare oltre gli ottavi di finale dello scorso anno: "Qui a Roma è sempre speciale per ogni giocatore italiano, è il nostro torneo di casa e cerchiamo tutti di dare il massimo. Ma è bello tornare qui, è uno dei tornei più belli al mondo che io abbia finora giocato, e arrivarci in buona condizione", ha ammesso l’altoatesino. Il numero 18 al mondo se la vedrà al primo turno con il francese Ugo Humbert, poi – se passa – subito Rafa Nadal: "Ma prima devo vincere una partita - precisa Sinner - per me è molto difficile perché Humbert è mancino e in Next Gen ci ho già perso...". Quanto alla sua marcia d’avvicinamento ai big, Sinner è chiaro: "Devo migliorare nel servizi e ci sto lavorando tanto con Riccardo (Piatti, ndr), la terra poi è una superficie dove devo capire ancora tutto, ma penso di poter giocare bene su ogni superficie. Ci sono tanti giocatori buoni, si vede dai risultati. Nadal e Djokovic hanno qualcosa di diverso, però stanno arrivando Tsitsipas, Zverev, ora anche Musetti. E’ anche bello che non vincano sempre gli stessi"

Nei primi match del main draw passano Auger-Aliassime 6-3 6-7(5) 6-4 su Krajinovic, e Carreno Busta 4-6 6-3 6-1 su Djere. Tra gli azzurri l’ultimo ad arrendersi è stato Salvatore Caruso, out al primo turno con il belga Goffin con il punteggio di 6-4 6-1. Svanisce subito il sogno romano di Marco Cecchinato e Raul Brancaccio, eliminati all’ultimo turno di qualificazione. Nel femminile delude Sara Errani, sconfitta per 6-2 6-3, dalla slovena Hercog, n.73 WTA. Forfait dell’ultim’ora: si ritirano Casper Ruud e Venus Williams.