Valentino e la Yamaha provano a rialzarsi. E così la giornata di test ufficiali, ieri a Jerez, è stata preziosa per riaccendere (parzialmente) l’entusiamo di Rossi.

"Yamaha ha portato piccoli aggiustamenti tecnici – sono sue parole –. Non cose enormi, è vero, ma ho rivisto qualche sorriso e spero in miglioramenti immediati". Magari anche minimi, certo, ma indispensabili per tentare di dare una svolta positiva a una stagione che sta diventando un incubo.

Incubo per Vale, certo, mentre l’altra Yamaha, quella ufficiale di Vinales è stata la più veloce della giornata, bruciando i tempi delle Suzuki di Mir e Rins. Niente pista per Quartararo (dal medico), mentre Marquez è salito sulla sua Honda per una manciata di giri, prima di tornare al box ed evitare di forzare troppo sulla spalla. "Meglio non correre troppi rischi – ha commentato Marc – e continuare la fase di rientro puntando a una buona prestazione al prossimo Gp, a Le Mans".

Gran lavoro anche in Ducati, con Bagnaia attento più che alla prestazione, a quello che il team sta facendo sulla sua Desmo. "Abbiamo ultimato il programma di questa fase della stagione".

"Se sento la pressione nel sentirmi leader della stagione? – ha aggiunto Pecco –. Io continuo a lavorare tranquillo, come sempre, senza pensare al ruolo di favorito".

Riccardo Galli