Alla vigilia di una semifinale di Champions come Real-Chelsea si dovrebbe parlare di calcio. Invece, il caos della Superlega, con relativa furia dell’Uefa, ruba la scena alla partitissima di stasera (ore 21), con il sospetto, nel caso dei tifosi del Real, che il governo del calcio europeo voglia farla pagare al primo artefice (con Andrea Agnelli) del progetto del torneo per ricchi. Ovvero quel Florentino Perez che, tra l’altro, non sembra affatto essersi pentito. Non aiuta a stemperare i rumors, il fatto che l’arbitro scelto sia l’olandese Makkelie, lo stesso che in un recente Portogallo -Serbia nelle qualificazioni mondiali non ha visto un gol di CR7. "E’ assurdo pensare a sanzioni per la storia della Superleague. E poi credo che tutti vogliano vedere il Real in Champions", dice Zidane. "Non credo possano esserci vantaggi o svantaggi di un certo tipo a causa di una discussione politica", il commento di Tuchel, tecnico del Chelsea.