9 mar 2022

Rancori e nuovi sospetti "Bullismo contro Masi"

F1, Horner (Red Bull) difende l’ex direttore di gara: "Cacciato ingiustamente". Da venerdì ultimi test in Bahrain, la Fia assicura massimo rigore sulle regole

leo turrini
Sport
Christian Horner, team principal Red Bull, con Max Verstappen
Christian Horner, team principal Red Bull, con Max Verstappen
Christian Horner, team principal Red Bull, con Max Verstappen

di Leo Turrini Arsenico e vecchi rancori. Conditi da nuovi sospetti. Del resto, la Formula Uno non sarebbe tale in assenza di veleni. È un classico, fra accelerazioni a trecento all’ora e brusche sterzate… Da dopodomani, venerdì, la pista di Sakhir nel Bahrain sarà teatro dell’ultima sessione di test precampionato. Sullo stesso circuito che domenica 20 marzo ospiterà il primo Gran Premio della stagione. "Vogliamo offrire emozioni ai nostri fans – dice Stefano Domenicali, l’erede italiano di Bernie Ecclestone –. Nel nostro piccolo, speriamo di portare serenità alla gente comune". Domenicali è stato molto coraggioso nello schierare subito l’ambiente della F1 sulla tragedia ucraina: ha annullato la corsa di Sochi immediatamente e ha rinunciato ad anni di contratto con gli organizzatori russi. Che ora minacciano di fare causa al Circus per una decisione non condivisa e che ritengono troppo penalizzante. La polemica. E adesso un cenno a cose meno drammatiche. La tregua fra Red Bull e Mercedes è già finita. Ieri in una intervista alla Bbc il capo dei Bibitari, Chris Horner, ha di nuovo prese le difese di Michael Masi, l’arbitro dei Gran Premi rimosso dalla Fia dopo le vicende di Abu Dhabi. "Masi è stato trattato ingiustamente – ha ribadito Horner –. Certamente nell’arco della stagione aveva commesso errori, come tutti. E anche ai nostri danni. Ma il verdetto finale del campionato è stato ineccepibile". E ancora: "Masi è stato bullizzato dai fans di qualcuno (Mercedes ed Hamilton, ndr). Non si sono levate voci contro chi sul web lanciava minacce contro di lui e contro la sua famiglia. Lo trovo inaccettabile". Le regole. Intanto da dopodomani in Bahrain capiremo meglio in quale direzione gli ingegneri dei team si siano mossi nella applicazione delle regole nuove. Ci sono da tempo voci incontrollate sulle scelte “estreme” compiute dai tecnici di Mercedes e di Red Bull. Sicuramente nei collaudi di Barcellona ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?