Mariani 4,5. Entra nella macchina del tempo e torna all’epoca in cui la moviola in campo era ancora un bene necessario invocato nei salotti televisivi. Lui e il suo sodale al Var Di Paolo, non vedono il rigore netto di Lozano su Chiesa, un gran calcione evidente anche a velocità normale. Poi, altro giro di macchina del tempo e altro rigore netto, quello di Alex Sandro su Zielinski, anche se il tocco è meno duro di quello del messicano su Fede Chiesa. Al terzo tentativo, Chiellini su Osimhen, finalmente indica il dischetto. La solita domanda: a che serve la tecnologia se poi non la si utilizza?