Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
12 mar 2016

Inter-Bologna, ultime news e formazioni

Macini-Donadoni, quasi derby per la nazionale per i due mister

12 mar 2016
featured image
Inter' forward Mauro Icardi (C) in action with defender Alex Ferrari (L) and midfielder Bologna Saphir Sliti Taider (R) during the Italian Serie A soccer match Bologna Fc vs Fc Inter' at Renato Dall'Ara stadium in Bologna, Italy, 27 October 2015.ANSA/ GIORGIO BENVENUTI
featured image
Inter' forward Mauro Icardi (C) in action with defender Alex Ferrari (L) and midfielder Bologna Saphir Sliti Taider (R) during the Italian Serie A soccer match Bologna Fc vs Fc Inter' at Renato Dall'Ara stadium in Bologna, Italy, 27 October 2015.ANSA/ GIORGIO BENVENUTI

Milano, 12 marzo 2016 - Più che al futuro pensa al presente Roberto Mancini . Resta, non resta... chi lo sa. Non è lui a sfogliare la margherita, o forse in cuor suo sa già cosa voler fare. Di sicuro il finale di stagione peserà (e non poco) sulla decisione che tecnico e società comunque prenderanno insieme.

L’allenatore continua a dichiarare che all’Inter «gli stimoli non mancano», ma è impossibile ignorare le sirene azzurre ”. L’importante, però, è concentrarsi sul “pezzo“, non dimenticarsi che ci sono ancora due mesi intensi da giocare col coltello fra i denti e un obiettivo da raggiungere: la Champions League . «Ma possiamo arrivarci anche senza “fioretti”, quelli li lascio per cose più importanti», sottolinea Mancini.

In realtà entrare nell’Europa che conta è fondamentale per le casse societarie. Perciò le prossime due partite prima della sosta sono di enorme importanza, e già vincendo stasera con l’ostico Bologna si potrebbe (per una notte) scavalcare la Fiorentina e assestarsi al quarto posto, in attesa della sfida diretta con la Roma (distante cinque punti) di sabato prossimo all’Olimpico . Ma il tecnico jesino parla chiaro: la testa deve essere rivolta solo alla squadra rossoblù, «difficile da affrontare con un tecnico bravo e che ha fatto un grande lavoro. Sono un tifoso del Bologna , quindi felice del campionato che stanno facendo. Donadoni ha dato fiducia a giocatori giovani e forti. Se sono reduci da tre 0-0 vuol dire che sono duri da affrontare e battere. E poi anche davanti hanno gente brava. Serve concentrazione ».

Se poi in campo si dovesse presentare una squadra non solo attenta ma pure brillante, come accaduto domenica scorsa col Palermo , l’allenatore sarebbe ben felice. Anche perché stasera in tribuna ci sarà il presidente Erick Thohir (nuovo blitz milanese a distanza di pochi giorni), desideroso di vedere una bella Inter.

QUELLA col Bologna dovrebbe essere pure la partita di Icardi, decisivo e polemico all’andata per i pochi passaggi ricevuti. Un’esternazione che gli costò la panchina la domenica successiva. Ma dopo sei partite cominciate dalla panchina fra bomber e tecnico sembra essere tornato il feeling: «Icardi ha un contratto lungo, è il nostro attaccante e non credo ci sia alcun problema. Resterà a lungo».

Inter-Bologna diretta

Formazioni ufficiali

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Nagatomo, Miranda, Juan Jesus, D’Ambrosio; Brozovic, Medel, Perisic; Eder, Icardi, Ljajic. All. Mancini.

Bologna (4-3-3): Mirante; Mbaye, Gastaldello, Maietta, Masina; Donsah, Diawara, Taider; Giaccherini, Destro, Rizzo. Allenatore: Roberto Donadoni

ARBITRO : Calvarese di Teramo

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?