Achraf Hakimi, 21 anni: nella prima stagione all’Inter ha segnato 7 gol e fornito 11 assist in un totale di 40 presenze. Il club lo valuta almeno 80 milioni
Achraf Hakimi, 21 anni: nella prima stagione all’Inter ha segnato 7 gol e fornito 11 assist in un totale di 40 presenze. Il club lo valuta almeno 80 milioni
di Mattia Todisco La Milano del calcio attende il Chelsea. I campioni d’Europa rischiano d diventare l’ago della bilancia del mercato di Inter e Milan. I nerazzurri stanno cercando acquirenti per i propri top player. Ne cederanno uno, almeno questa è l’intenzione. Dovrebbe essere Achraf Hakimi, ma dopo aver ricevuto un’offerta dal Paris Saint-Germain giudicata insoddisfacente (60 milioni di euro contro gli 80 richiesti) da via della Liberazione si attende che i Blues facciano un passo. L’interesse c’è, la proposta economica non ancora. Grazie all’affondo dei parigini, da Londra sanno anche qual è la richiesta, che non muterà a seconda degli offerenti. Per l’Inter...

di Mattia Todisco

La Milano del calcio attende il Chelsea. I campioni d’Europa rischiano d diventare l’ago della bilancia del mercato di Inter e Milan. I nerazzurri stanno cercando acquirenti per i propri top player. Ne cederanno uno, almeno questa è l’intenzione. Dovrebbe essere Achraf Hakimi, ma dopo aver ricevuto un’offerta dal Paris Saint-Germain giudicata insoddisfacente (60 milioni di euro contro gli 80 richiesti) da via della Liberazione si attende che i Blues facciano un passo. L’interesse c’è, la proposta economica non ancora. Grazie all’affondo dei parigini, da Londra sanno anche qual è la richiesta, che non muterà a seconda degli offerenti.

Per l’Inter sembra vicina anche l’uscita di scena definitiva di Joao Mario. Lo Sporting Lisbona lo ha avuto per un anno in prestito e sta trattando per trattenerlo a titolo definitivo spalmando il pesante contratto e pagando una cifra attorno agli 8 milioni di euro. Lo stesso vale per Nainggolan e il Cagliari, settimana prossima sono previsti altri incontri con la dirigenza dei sardi per sbloccare una situazione resa complicata dalla richiesta di buonuscita del belga. Solo una volta fatta cassa i nerazzurri potranno provare a rimpolpare la rosa a disposizione di Inzaghi, probabilmente con un esterno a sinistra. Anche in questo caso, potrebbe essere necessario passare dal Chelsea, visto che uno dei preferiti della dirigenza e del tecnico è Emerson Palmieri. Dopo un’annata chiusa vincendo la Champions, ma giocando quasi mai, l’italo-brasiliano è valutato non più di 10 milioni dal duo Marotta-Ausilio. Ci sarà da contrattare, probabilmente, perché gli inglesi non sono notoriamente una bottega al risparmio.

Dall’altro lato del Naviglio si attende invece di capire se c’è ancora l’opportunità di arrivare a Olivier Giroud, visto che il francese non è più un parametro zero. Il Chelsea ha deciso infatti di rinnovare il contratto con l’esperta punta transalpina per un altro anno. "È stato cruciale in tanti momenti per noi e ha continuato a fare gol molto importanti in questa stagione. Non potevamo fare altro che prendere la decisione di rinnovare il suo contratto", ha spiegato Marina Granovskaia ai canali ufficiali dei campioni d’Europa. Ciò nonostante potrebbe essere proprio il calciatore a voler provare un’esperienza diversa in un club che, complici i guai fisici di Ibrahimovic, potrebbe garantirgli un minutaggio superiore. Chi sembra convinto di voler restare a Milano è Fikayo Tomori, altro giocatore il cui cartellino appartiene al Chelsea. Valutato 28 milioni di euro, nei prossimi giorni sarà nuovamente al centro dei colloqui tra le parti per abbassare una cifra che il Milan vorrebbe investire ma solo con uno sconto.

Si muove anche la Juventus, anche se buona parte del mercato estivo potrebbe passare dal destino di Cristiano Ronaldo. Avere o meno il portoghese a bilancio fa tutta la differenza del mondo in termini di monte ingaggi. La priorità è sempre un centrocampista di qualità in regia, con Locatelli in cima alla lista delle preferenze. I bianconeri vorrebbero però rinunciare ad almeno uno tra Rabiot e Ramsey, i cui stipendi vengono ritenuti troppo più alti rispetto ai riscontri avuti sinora sul terreno di gioco. In attacco, invece, potrebbe rimanere in prestito Alvaro Morata dall’Atletico Madrid. Si tratterebbe di un rinnovo della formula già sperimentata nella stagione appena conclusa.