Stefano Domenicali (Ansa)
Stefano Domenicali (Ansa)

Bologna, 4 dicembre 2021 - La Formula 1 lavora per organizzare le sei Sprint Qualifying del Mondiale 2022. Mentre è in corso il penultimo atto della stagione 2021, con l'accesa lotta tra Max Verstappen e Lewis Hamilton che si è spostata a Jeddah, Liberty Media ha scelto le sei piste sulle quali preferirebbe far correre le gare Sprint del prossimo anno. Tra queste ci sarà ancora un'italiana, ma non sarà Monza.

Le gare candidate per la Sprint Qualifying

Le idee finora proposte non sono state ratificate dalla federazione, che dovrà prima stringere gli accordi con i vari circuiti e con i team. Le piste papabili per ospitare le Sprint Qualifying sono:

Gran Premio del Bahrain, Sakhir

Gran Premio dell'Emilia Romagna, Imola

Gran Premio del Canada, Montreal

Gran Premio dell'Austria, Red Bull Ring

Gran Premio d'Olanda, Zandvoort

Gran Premio del Brasile, Interlagos







Il cambio di format


La F1 ragiona anche sul formato della Sprint Qualifying. L'idea è quella di assegnare punti ai primi dieci piloti - anziché solamente ai primi tre attuali - che taglieranno il traguardo, come avviene in gara, seppur con un punteggio ovviamente inferiore. Inoltre si vorrebbe dare comunque importanza alle classiche qualifiche, che quest'anno sono state utilizzate solamente per stabilire la griglia di partenza della gara Sprint. La Formula 1 sta ragionando su come inserire le corse Sprint senza che i suoi risultati stabiliscano le posizioni al via del Gran Premio domenicale.

Leggi anche: Serie A, le partite di oggi