Max Verstappen deluso per l'errore nelle qualifiche (Ansa)
Max Verstappen deluso per l'errore nelle qualifiche (Ansa)

Roma, 4 dicembre 2021 - Lewis Hamilton si prende la pole position del Gp dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il britannico della Mercedes ha fatto fermare il cronometro a 1'27"511. Secondo tempo per il compagno di team Valtteri Bottas (1'27"622), davanti a Max Verstappen, terzo con 1'27"653. L'Olandese della Red Bull sfortunato: si è schiantato contro un muretto durante il giro lanciato quando stava facendo meglio di Hamilton ("Un errore terribile"). La Ferrari di Charles Leclerc è quarta (1'28"055), mentre è quindicesimo il compagno Carlos Sainz, finito in testacoda nel Q2.

Quinto Sergio Perez su Red Bull (1'28"123). Sesto il francese dell'Alpha Tauri Pierre Gasly (1'28"125). Settimo Lando Norris  su McLaren (1'28"180). Nella top ten Yuki Tsunoda su Alpha Tauri (1'28"442). Nono Esteban Ocon con l'Alpine (1'28"647) e decimo l'italiano Antonio Giovinazzi (1'28"668) con l'Alfa Romeo.

I tempi delle qualifiche nel Gp in Arabia Saudita

La griglia di partenza

Prima fila: 1 Lewis Hamilton Mercedes 1:27.511. 2 Valtteri Bottas Mercedes +0.111. 
Seconda fila: 3 Max Verstappen Red Bull Racing +0.142. 4 Charles Leclerc Ferrari +0.543. 
Terza fila: 5 Sergio Perez Red Bull Racing +0.612. 6 Pierre Gasly AlphaTauri +0.614. 
Quarta fila: 7 Lando Norris McLaren +0.669. 8 Yuki Tsunoda AlphaTauri +0.931. 
Quinta fila: 9 Esteban Ocon Alpine +1.136. 10 Antonio Giovinazzi Alfa Racing +1.243. 
Sesta fila: 11 Daniel Ricciardo McLaren. 12 Kimi Räikkönen Alfa Romeo Racing. 
Settima fila: 13 Fernando Alonso Alpine. 14 George Russell Williams. 
Ottava fila: 15 Carlos Sainz Ferrari. 16 Nicholas Latifi Williams. 
Nona fila: 17 Sebastian Vettel Aston Martin. 18 Lance Stroll Aston Martin. 
Decima fila: 19 Mick Schumacher Haas F1 Team. 20 Nikita Mazepin Haas F1 Team.








Le ultime decisive gare per il mondiale piloti: tra i due contendenti Max Verstappen e Lewis Hamilton ci sono solo 8 punti di differenza. Anche nelle libere del venerdì il britannico della Mercedes si è dimostrato il più veloce. Intanto la Ferrari tira un sospiro di sollievo: il brutto incidente che ha visto protagonista Charles Leclerc si è risolto senza conseguenze per il pilota. La monoposto ha subito danni alla carrozzeria, ma per fortuna sono rimasti intatti il telaio e la power unit, che quindi non dovranno essere sostituiti.

Gp dell'Arabia Saudita: gli orari

Clasiifiche: piloti - costruttori

Rivivi la diretta

Verstappen campione se... le combinazioni

Le combinazioni che potrebbero portare con una gara d'anticipo al titolo Verstappen sono diverse: l'olandese potrebbe essere incoronato domenica se aumentasse il suo vantaggio a 26 punti diventando così irraggiungibile per Hamilton nemmeno in caso di vittoria e giro veloce nell'ultimo appuntamento del mondiale ad Abu Dhabi, visto che sarebbe davanti a lui anche per numero di vittorie in questa stagione. Ecco dunque gli scenari che domenica renderebbero il pilota della Red Bull il nuovo campione del mondo: 1) vince, fa segnare il giro più veloce in gara e Hamilton non finisce tra i primi cinque. 2) vince senza registrare il giro più veloce e Hamilton non finisce tra i primi sei. 3) arriva secondo, segna il giro più veloce in gara ma Hamilton non arriva tra i primi nove. 4) arriva secondo con Hamilton che non prende punti.

Terze libere

Primo squillo per Max Verstappen: il pilota della Red Bull ha chiuso al comando in 1'28"100 le Libere 3. Alle sue spalle il rivale Lewis Hamilton (1'28"314), in difficoltà con le gomme rosse per il grip. Terzo tempo per la seconda Red Bull, quella del messicano Sergio Perez (1'28"629) che precede le due Alpha Tauri del giapponese Yuki Tsunoda (1'28"641) e del francese Pierre Gasly (1'28"715) e il finlandese della Mercedes Valtteri Bottas (1'29"019). Settimo e ottavo posto per le due Ferrari, con il monegasco Charles Leclerc (1'29"101) davanti allo spagnolo Carlos Sainz (1'29"149).