Le due Red Bull al Paul Ricard (Ansa)
Le due Red Bull al Paul Ricard (Ansa)

Le Castellet (Francia), 19 giugno 2021 - Max Verstappen partirà dalla pole position nel Gran Premio di Francia di Formula 1. Il pilota della Red Bull ha conquistato la prima piazzola della griglia grazie ad una grande performance, staccando di due decimi e mezzo Lewis Hamilton su Mercedes. Super Max ha sfruttato al meglio il potenziale della sua monoposto e le difficoltà riscontrate dalla scuderia tedesca, che ha comunque messo una pezza ad un venerdì opaco con la qualità del sette volte campione del mondo.

In seconda fila ci saranno le seconde guide Bottas e Perez, mentre Sainz è stato autore di un'opera d'arte infilando la Ferrari al quinto posto in un circuito poco congeniale alla monoposto di Maranello. Seguono Gasly su AlphaTauri e Leclerc sull'altra rossa. A completare la top ten ci sono Norris sulla McLaren, Alonso su Alpine e Ricciardo.

Da segnalare la prima Q2 conquistata da Mick Schumacher, che con una vettura nettamente inferiore alle altre come la Haas partirà comunque quindicesimo. Il tedesco è però andato contro le barriere subito dopo aver firmato il suo giro veloce e non ha potuto disputare la seconda sessione di qualifica. L'incidente ha anche penalizzato Stroll, che non aveva ancora fatto registrare il suo tempo e, a causa della bandiera rossa, non ha potuto girare per cercare di superare il taglio.



Strategie di gara

Tutti i piloti dovrebbero presentarsi al via con le gomme medie. I top ten si sono qualificati al Q3 proprio con la gomma gialla poiché la rossa ha evidenziato grossi problemi di surriscaldamento e consumo. Un'eventuale partenza con la mescola più morbida condizionerebbe inevitabilmente la corsa, che allora dovrebbe essere gestita sulla strategia dei due pit stop. La media, invece, garantisce ottime prestazioni e maggiore durata, così da permettere un solo rientro ai box.

Sul passo gara la Red Bull è davanti a tutti. Verstappen è il grande favorito per la vittoria, ma Hamilton vorrà dargli filo da torcere. Le modifiche aerodinamiche dell'ultimo minuto apportate dalla Mercedes hanno avuto successo in qualifica, avvicinando la prestazione delle Frecce d'Argento a quella della monoposto del toro, per cui si prospetta una battaglia durissima durante la corsa di domani. Più indietro la Ferrari, che ha comunque mostrato un buon passo al venerdì e dovrebbe essere davanti alla McLaren. Da tenere d'occhio l'AlphaTauri: se Gasly riuscirà a mettere in pista una buona performance, potrebbe riuscire a chiudere tra le prime sette o otto posizioni senza troppi problemi.

Leggi anche: F1, Mekies: "Nessuno sviluppo sulla SF21, pensiamo al 2022"