Carlos Sainz
Carlos Sainz

Le Castellet, 18 giugno 2021 – Ferrari proiettata al 2022. Notizia nota da tempo ma confermata anche dal direttore sportivo Laurent Mekies. Il dirigente del Cavallino Rampante ha ammesso la fine dello sviluppo sulla SF21, la monoposto di questa stagione, per concentrarsi sul 2022, quando cioè partirà un nuovo ciclo tecnico con nuovi regolamenti. Non avrebbe senso sviluppare una monoposto che non può vincere il Mondiale e che oggi è dichiaratamente inferiore a Mercedes e Red Bull.

Tutto sul 2022

Si sta correndo il gran premio di Francia, con le Libere del venerdì che hanno riportato nei ranghi la Ferrari dopo le pole a Monaco e Baku. Il finale di stagione sarà alla ricerca di qualche piccola soddisfazione, ma niente lotta per il titolo mondiale: il team cercherà di capire gli eventuali punti deboli della vettura, ma con correttivi minimi e nessun sviluppo: “La nostra è decisione è chiara da tempo, puntiamo sul 2022 – le parole di Mekies ai canali ufficiali Formula 1 – Non ci saranno veri e propri sviluppi sulla SF21, lavoreremo sui problemi cercando di comprenderli meglio. Una volta fatto questo potremo vagliare soluzioni che si possono già applicare, ma veri sviluppi non ce ne saranno”. Ferrari combatterà per essere terza forza nel campionato costruttori con Mclaren, Mercedes e Red Bull sono irraggiungibili.

Leggi anche - Formula 1, la prudenza di Leclerc: "In Francia dovremo abbassare le aspettative"