Josè Mourinho con Massimo Moratti
Josè Mourinho con Massimo Moratti
La ’reazione’ più carina è dell’interista Enrico Mentana, che pubblica sui social l’Arco di Tito adagiato ai piedi del Colosseo con su scritto: "Arco di Titulo". Chapeau. "Morurinho alla Roma? Mi ha sorpreso, ma mi fa piacere per lui, la sfida con Conte sarà molto interessante, con una carica speciale per entrambi...", dice il presidente del Triplete...

La ’reazione’ più carina è dell’interista Enrico Mentana, che pubblica sui social l’Arco di Tito adagiato ai piedi del Colosseo con su scritto: "Arco di Titulo". Chapeau. "Morurinho alla Roma? Mi ha sorpreso, ma mi fa piacere per lui, la sfida con Conte sarà molto interessante, con una carica speciale per entrambi...", dice il presidente del Triplete Massimo Moratti. Altro giro, altri protagonista del Triplete, Cambiasso: "Sorpreso? Sì. Ma ho immaginato qualcosa del genere quando ha detto che non avrebbe avuto problemi ad allenare in Italia". E mentre Mou, da genio del marketing qual è, posta la foto di una cover per smartphone giallorossa con le iniziali ’JM’, arriva il commento di Fabio Capello, ultimo allenatore a vincere uno scudetto a Roma: "La Capitale è una piazza difficile ma lui nelle piazze difficili si esalta. Spero per i tifosi romanisti che faccia tanto bene come ha fatto all’Inter ma occhio: per vincere, ci vogliono anche i giocatori..." è il messaggino di Don Fabio ai Friedkin. Lo sfotte RyanAir con un tweet in cui gli offre il volo da Londra a Roma a 14,99 sterline perchè: "Non avendo vinto niente con il Tottenham avrà solo bagaglio a mano". Gioisce la politica, tra il benvenuto della sindaca Raggi e quello del presidente della Regione Zingaretti: "Roma può nuovamente tornare a competere con le grandi città del mondo, nello sport e nello sviluppo economico. Il declino non è l’unico destino possibile". Eppoi raffiche di like a mitraglia: Florenzi, Carlo Mazzone, Zaniolo, mentre arriva l’augurio un po’ anni 70 di Antonello Venditti: "Coraggio, libertà, responsabilità: benvenuto a Mourinho" e il sorriso del romanista Lino Banfi: " Mou è stato uno dei miei migliori allievi quando, come Oronzo Canà, insegnavo. Parla pugliese, quindi mi seguirà...".

p. f.