Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
17 giu 2022

Dybala-Lukaku-Lautaro: Inter senza limiti

Paulo e Romelu vicini, Skriniar potrebbe essere ceduto al Psg pronto a offrire 70 milioni. Ma ecco Milenkovic e Bremer per la difesa

17 giu 2022
mattia todisco
Sport
Romelu Lukaku, 29 anni: nell’ultima Premier League con il Chelsea, otto gol. e un assist in 26 partite
Romelu Lukaku, 29 anni: nell’ultima Premier League con il Chelsea, otto gol. e un assist in 26 partite
Romelu Lukaku, 29 anni: nell’ultima Premier League con il Chelsea, otto gol. e un assist in 26 partite
Romelu Lukaku, 29 anni: nell’ultima Premier League con il Chelsea, otto gol. e un assist in 26 partite
Romelu Lukaku, 29 anni: nell’ultima Premier League con il Chelsea, otto gol. e un assist in 26 partite
Romelu Lukaku, 29 anni: nell’ultima Premier League con il Chelsea, otto gol. e un assist in 26 partite

di Mattia Todisco

Il mercato dell’Inter continua ad essere in enorme fermento. In entrata come in uscita. Si parla di nomi importanti: Lukaku, Dybala, Skriniar. Giocatori che "spostano", che fanno la differenza. E che per questo hanno un certo peso specifico a bilancio, tra cartellino e ingaggio. Partendo dall’ultimo, Milan Skriniar piace tremendamente al nuovo direttore sportivo del Paris Saint-Germain, Luis Campos. Tanto da spingersi a un rilancio dopo il primo "no" incassato nei giorni scorsi per un’offerta da 50 milioni di euro.

All’Inter, obbligata a chiudere il mercato estivo con un attivo di 60 milioni di euro per decisione di Suning (ieri il presidente Zhang ha rassicurato i dipendenti sul futuro del club in un incontro previsto a Interello), non bastano. I francesi rilanceranno a breve e non sembrano intenzionati a fermarsi. A quota 70, con una serie di bonus all’interno della trattativa, si può arrivare a una conclusione positiva, come già accaduto in passato per gioielli quali Icardi e Hakimi. I sostituti individuati sono Milenkovic e Bremer, entrambi perché ritenuti forti abbastanza da raccogliere una pesante eredità e perché hanno condizioni più favorevoli di altri giocatori.

Sono a un anno dalla scadenza del contratto rispettivamente con Fiorentina e Torino, in più dal reparto arretrato è uscito Ranocchia (a fine accordo) e anche per questo i nerazzurri proveranno a prendere due giocatori. Se a centrocampo le acque dovrebbero diventare più chete con gli arrivi di Mkhitaryan (settimana prossima) e Asllani (a breve), in attacco tutto ruota attorno ai due possibili grandi acquisti: Paulo Dybala e Romelu Lukaku. Fino a qualche giorno fa sembrava molto più vicino l’approdo dell’argentino, oggi le tempistiche paiono favorire il belga. L’Inter ha l’esigenza di chiudere entro il 30 giugno la trattativa per il prestito oneroso con il Chelsea, in modo da poter pagare a metà le tasse sull’ingaggio, in virtù del Decreto Crescita. Un fattore che non fa parte delle contrattazioni per Dybala, che resta vicino ma per il quale i colloqui vanno avanti in maniera più lenta.

Dovesse riuscire la grande accoppiata, in attacco qualcuno dovrà salutare. Sicuramente Sanchez, che non ha molte offerte e dovrebbe transare una buonuscita come il connazionale Vidal (nel secondo caso la cifra è già stabilita per contratto). L’altro partente in avanti sarà uno tra Dzeko e Correa. Non Martinez, che l’Inter vorrebbe trattenere.

Dipenderà molto dal mercato: chi ne avrà e troverà una destinazione gradita farà le valigie. Ad oggi "favorito" è il bosniaco per ragioni anagrafiche e maggiore facilità nel poter uscire da un accordo che durerà soltanto per un’altra stagione.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?