Venerdì 19 Luglio 2024
GIANMARIO BONZI
Sport

Curtis, è nata una stella: "Sto volando"

La piemontese vince i 50 stile con record. Restivo prende il pass.

Curtis, è nata  una stella:  "Sto volando"

Curtis, è nata una stella: "Sto volando"

di Gianmario Bonzi

La donna copertina è una "bambina", lo diciamo anche in rima. E quello di ieri potrebbe essere il suo primo passo da grande, in acqua. Sara Curtis, 16 anni, cuneese di Genola, mamma nigeriana, già pluri medagliata agli Europei juniores 2022 (oro con la 4x100 sl) e ai Mondiali giovanili di Lima 2022 (4 podi), sboccia d’incanto a livello senior vincendo i 50 stile libero in 25“14 (record italiano cadetti) dopo il 25“23 stabilito al mattino in batteria, anche quello (ex) record personale. Primo titolo assoluto per lei in carriera, gioia incontenibile e peccato per quella partenza da rivedere (come tanti altri particolari tecnici da sistemare, in realtà, ma del resto a quell’età...) altrimenti sarebbe probabilmente già scesa sotto la barriera dei 25“. È un fiume in piena: "Sono davvero molto soddisfatta del risultato – ammette –, un obiettivo che in realtà vedevo ancora lontano. Ma realizzarlo è bellissimo. Le emozioni da gestire in una gara di questo tipo sono tante e non è semplice riuscirci. Davanti al blocco di partenza ero però garantissima, anche se poi è giusto provare a rimanere concentrati e... cercare di volare. Ho volato bene dai, almeno questa volta". Tifosa del Torino, tesserata per il Team Dimensione Nuoto, preparata da Thomas Maggiora, iscritta all’Istituto Tecnico Economico e Turistico di Savigliano, da bambina sognava di diventare una campionessa di nuoto ed ora è la sesta performer italiana all time (ex aequo con Nicoletta Ruberti) sulla distanza. Forse è cominciata una bellissima carriera. Il precedente record nazionale cadette era di Giorgia Biondani con 25“15 del 18 aprile 2015, stabilito sempre a Riccione. Il tempo di ieri non basta per il Mondiale di Fukuoka a luglio (il crono richiesto era 24“70, sarebbe record italiano assoluto...), ma quel pass Sara potrà centrarlo comunque al Sette Colli di giugno o magari attraverso la 4x100 sl (che non sarebbe qualificata, a meno che non si consideri il tempo nuotato nella Finale B da Silvia Di Pietro. Vedremo cosa verrà deciso). Quattro giornate di gara agli Assoluti di Riccione (si chiude oggi) e i pass iridati salgono a quota dodici (con dieci atleti qualificati, Quadarella e Franceschi ne hanno due a testa), grazie a Matteo Restivo (dottore in Medicina, fresco di ulteriore master) primo nei 200 dorso, con 1’56“96.

g. b.