Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
3 gen 2022

Covid o no, la Supercoppa si gioca

Consiglio di Lega: calendario troppo stretto, rinvio impossibile. Dalla Roma al Venezia ancora nuovi positivi

3 gen 2022
paolo franci
Sport
Edin Dzeko, 35 anni: Inter e Juventus dovranno scendere in campo per la Supercoppa
Edin Dzeko, 35 anni: Inter e Juventus dovranno scendere in campo per la Supercoppa
Edin Dzeko, 35 anni: Inter e Juventus dovranno scendere in campo per la Supercoppa
Edin Dzeko, 35 anni: Inter e Juventus dovranno scendere in campo per la Supercoppa
Edin Dzeko, 35 anni: Inter e Juventus dovranno scendere in campo per la Supercoppa
Edin Dzeko, 35 anni: Inter e Juventus dovranno scendere in campo per la Supercoppa

di Paolo Franci Ci hanno anche pensato. Magari solo per qualche istante, di assecondare il desiderio di Inter e Juve e dunque spostare la Supercoppa nella speranza di giocarla con gli spalti al massimo. Poi però ha prevalso quel calendario stretto come una foglia in un libro . E soprattutto, la certezza di non avere certezze. Sì, perchè oltre al fatto di non avere una data utile, il quesito che è rimbalzato tra gli uomini del Consiglio di Lega - il presidente Paolo Dal Pino, l’ad De Siervo e i consiglieri Giulini (Cagliari), P ercassi (Atalanta), Scaroni (Milan) e Setti (Verona), con l’immancabile Lotito e Marotta nel ruolo di uditori - in sintesi è stato questo: "Se dovessimo spostarla, quali certezze avremmo di poterla giocare più in là con gli spalti pieni e non al 50%?". Da qui, la conferma per il prossimo 12 gennaio, così come da programma. E si torna sempre e comunque allo stesso punto: con il maledetto virus certezze non ce ne sono e non ce ne saranno per chissà quanto tempo. Quindi si gioca il 12, perchè rinviarla col rischio di ritrovarsi in questa situazione, anche no, è stata la decisione unanime del Consiglio di Lega. Certo, c’è da fare i conti con il rischio positività per la gara di Supercoppa. Ma una serie A vaccinata con terza dose al 98% - la percentuale più alta d’Europa - , non può alzare ulteriormente l’asticella della sicurezza, stando alle attuali norme. Dunque, si gioca, anche se ci sono positivi che sbucano ovunque. Se Mourinho festeggia per il recupero di Tammy Abraham in vista della sfida con il Milan, deve però fare i conti con due nuove positività, una delle quali riguarda Borja Mayoral, ultimamente risalito nelle gerarchie dello Special One. Una nuova positività ha colpito il Venezia, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?