Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
22 mag 2022

Carapaz-Nibali: i soliti noti scuotono il Giro

L’ecuadoriano si prende la maglia rosa e punta dritto al bis. Lo Squalo sfiora il successo di tappa ed esalta i tifosi, riscatto Yates

22 mag 2022
angelo costa
Sport

di Angelo Costa

Finalmente, si scuote il Giro. A svegliarlo è una tappa shakerata, su e giù per le colline di Torino, a scaldarlo sono il clima torrido e soprattutto i soliti noti. Uno è Richard Carapaz, ecuadoriano tornato sulle strade rosa da favorito per ripetere il successo di tre anni fa, dopo averci messo in mezzo un podio al Tour e l’oro olimpico a Tokyo: pur non facendo cose irresistibili, è già davanti a tutti e c’è aria che sia sulla buona strada per esaudirsi il desiderio.

L’altro è un attempato ciclista avviato ai 38 anni, che non smette di esaltar le folle italiane, riapparse esagerate a bordo strada: Vincenzo Nibali, all’ultima stagione di una carriera in cui i grandi giri li ha conquistati tutti. In mezzo ai più giovani ci sta ancora così bene da andare a un passo dal successo di tappa, autorizzando a fare qualche sogno in più. Il suo lungo addio ha già il sapore di un nobilissimo congedo. A recitar da primattori fra Superga e colle della Maddalena sono anche altri due. Uno è Simon Yates, venuto in Italia per sfatare il tabù Giro e messo fuori subito da un guaio al ginocchio: si toglie lo sfizio di vincere la seconda tappa dopo la crono a Budapest. L’altro è Jai Hindley, australiano già sventolato davanti a tutti nell’unica tappa vera vista fin qui, quella del Blockhaus: forte lui, forte la sua truppa, si cala nel ruolo di sfidante di Carapaz per l’albo d’oro, vista la fragilità della concorrenza. Segnalato il ritiro di Dumoulin, staccatissimo, da Torino è tutto. E non è poco.

Ordine d’arrivo 14ª tappa Santena-Torino di 147 km: 1) S.Yates (Gbr, BikeExchange) in 3h 43’44’’ (media 39,422), 2) Hindley (Aus) a 15’’, 3) Carapaz (Ecu) st, 4) Nibali, 5) Pozzovivo a 28’’, 6) Almeida (Por) a 39’’, 7) Landa (Spa) a 51’’, 10) Lopez (Spa) a 4’25’’. Classifica: 1) Carapaz (Ecu, Ineos) in 58h 21’28’’, 2) Hindley a 7’’, 3) Almeida a 30’’, 4) Landa a 59’’, 5) Pozzovivo a 1’01’’, 8) Nibali a 2’58’’, 9) Lopez (Spa) a 4’04’’, 10) Valverde (Spa) a 9’06’’.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?